Lazio, D'Amato inaugura nuovo Cup ospedale Marino

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 29 nov. (Adnkronos Salute) - "Abbiamo bisogno di luoghi accoglienti come questo e di percorsi di umanizzazione, questo è un elemento assolutamente importante e stiamo facendo uno sforzo per migliorare la qualità dei servizi per essere sempre più vicini ai bisogni delle persone", così l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che questa mattina ha inaugurato i locali del nuovo Cup del presidio ospedaliero San Giuseppe di Marino, alla presenza del direttore Generale Asl Roma 6, Cristiano Camponi, e del sindaco di Marino Stefano Cecchi.

I nuovi locali del Cup di Marino sono dotati di un’ampia sala d’attesa e servizi, con accesso agli ambulatori, consentiranno maggior comfort all’utenza in attesa di prenotazione. La visita - riferisce una nota - è proseguita nelle 4 sale dei Blocchi operatori, oggetto di una recente riqualificazione che ha contribuito al potenziamento delle attività chirurgiche.

Durante la breve cerimonia, un momento è stato dedicato al ringraziamento di Andos Onlus, nella persona di Ombretta Colonnelli, segretario nazionale, per la generosa donazione di un ecografo portatile che potrà essere utilizzato anche all’interno delle sale operatorie. "Il nuovo ecografo donato alla senologia di Marino - afferma il Direttore Generale, Cristiano Camponi - concorrerà al miglioramento qualitativo e quantitativo delle attività di monitoraggio dei pazienti in trattamento e follow up. E’ un ulteriore segnale dell’importanza che il tessuto associativo riveste sul nostro territorio. Cogliamo l’opportunità di questo incontro per ringraziare l’associazione per l’impegno quotidiano, al nostro fianco, nella promozione delle attività di screening del territorio, favorendo l’adesione ai programmi. Un sostegno importante per noi e per le donne affette da tumore al seno che Andos sostiene anche psicologicamente nell’affrontare il lungo percorso delle cure e dei controlli fin dalla diagnosi”.