Lazio, 60 mln per ammodernare ospedale San Giovanni Roma

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 15 mar. (Adnkronos Salute) - Sessanta milioni di euro per avviare la rivoluzione tecnologica e digitale, oltre che l’aggiornamento delle infrastrutture ospedaliere, dell’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata. Un piano aziendale di ripresa e resilienza (Parr) che sarà finanziato con 33 milioni di euro derivanti dal Pnrr e per 27 milioni di euro da altri finanziamenti (regionali art. 20 e DL34). Sono gli interventi presentati questo pomeriggio dall’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato e dal Direttore generale, Tiziana Frittelli nel corso dell’evento dal titolo "L'Ospedale che guarda al futuro: gli investimenti del Pnrr per l'Ao San Giovanni Addolorata".

Le aree di intervento riguarderanno la valorizzazione di 12 percorsi funzionali: emergenza/urgenza; oncologia-ematologia; oculistica; rete neuro-trauma; cardiologia; materno-infantile; attività ambulatoriale; Cot; diagnostica per immagini; umanizzazione e ammodernamento dei reparti; sicurezza; digitalizzazione ed efficienza energetica. Obiettivo: garantire maggiore accessibilità, produttività e competitività.

L’iniziativa, promossa dalla Regione Lazio, ha messo in evidenza come gli investimenti messi in atto per l’Ao San Giovanni Addolorata si inseriscono in un complessivo piano riorganizzativo della sanità laziale che vede impegnati 700 milioni di euro fino al 2026.

“Oggi presentiamo un piano di investimenti importante da circa 60 milioni di euro destinati all’ospedale San Giovanni Addolorata. Si apre una grande sfida che ci permetterà di mettere in campo grandi investimenti, imprimendo una spinta importante per ridurre le diseguaglianze e migliorare i livelli di cura attraverso una vera e propria rivoluzione digitale” ha commentato l’assessore D’Amato.

“Il piano aziendale di ripresa e resilienza orienterà gli obiettivi aziendali verso un futuro che possa rendere l’ospedale centro di riferimento non solo per il territorio regionale, ma anche per l’intero Centro-Sud. In particolare gli investimenti del Pnrr - ha dichiarato la Dg Tiziana Frittelli - ci consentiranno di aggiornare l’infrastruttura ospedaliera, rendendola più sicura e moderna con la finalità di affiancare l’innovazione all’umanizzazione. Inoltre, gli investimenti complessivi ci permetteranno di valorizzare le grandi eccellenze cliniche aziendali per una ancor più efficace presa in carico dei pazienti”.