L’avvio dello screening a un’età inferiore riduce il rischio di tumore colorettale nelle donne statunitensi

  • Ma W & al.
  • JAMA Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’avvio dello screening endoscopico prima dei 50 anni di età è associato a un rischio inferiore di sviluppare il tumore colorettale (colorectal cancer, CRC), compreso il CRC diagnosticato prima dei 55 anni di età.

Perché è importante

  • I risultati avvalorano le linee guida più recenti, che raccomandano lo screening per il CRC a partire dai 45 anni di età.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico di 111.801 donne di età compresa tra 26 e 46 anni, seguite dal 1991 al 2017.
  • Finanziamento: National Institutes of Health.

Risultati principali

  • L’endoscopia del tratto gastrointestinale inferiore è risultata associata, rispetto alla mancata endoscopia, a un rischio significativamente inferiore di CRC incidente quando lo screening è stato avviato in età:
    • <45 anni (HR=0,37; IC 95%, 0,26–0,53);
    • 45–49 anni (HR=0,43; IC 95%, 0,29–0,62);
    • 50–54 anni (HR=0,47; IC 95%, 0,35–0,62);
    • ≥55 anni (HR=0,46; IC 95%, 0,30–0,69).
  • La riduzione assoluta dell’incidenza cumulativa stimata di CRC fino all’età di 60 anni è stata di 72 su 100.000 soggetti avviando lo screening endoscopico all’età di 45–49 anni rispetto a 50–54 anni.
  • Rispetto alla mancata endoscopia, l’avvio dello screening endoscopico a un’età <50 anni è risultato associato anche a un rischio inferiore di CRC diagnosticato prima dei 55 anni:
    • <45 anni, HR=0,45 (IC 95%, 0,29–0,70);
    • 45–49 anni, HR=0,43 (IC 95%, 0,24–0,76).

Limiti

  • Studio osservazionale.