Latticini nell’alimentazione e mortalità generale e specifica


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • L’apporto totale di latticini e formaggi nella dieta non è correlato a una minore mortalità.
  • La mortalità più bassa si associa a un consumo fino a 2 porzioni al giorno, mentre con un consumo elevato (>4 porzioni) la mortalità aumenta leggermente rispetto a chi ne consuma meno di una porzione al giorno.
  • Tra i diversi prodotti, il latte intero è quello che si associa a un maggior aumento del rischio, seppure sempre molto limitato.
  • L’impatto salutare di questi alimenti dipende anche dalle loro alternative: quando i latticini sono sostituiti da frutta secca, cereali integrali o legumi la mortalità scende, quando sono rimpiazzati da carne rossa, aumenta.

Descrizione dello studio

  • Dati raccolti da 3 grandi studi prospettici con raccolta periodica di informazioni (Nurses’ Health Study, Nurses’ Health Study II, and the Health Professionals Follow-up Study) negli Stati Uniti, che hanno coinvolto in tutto 168.153 donne e 49.602 uomini senza malattie cardiovascolari o tumori alla baseline.
  • Outcome principale: mortalità.
  • Analisi multivariata che ha tenuto conto di anamnesi familiare di malattia cardiovascolare o cancro, attività fisica, schema alimentare generale, apporto calorico totale, fumo, consumo di alcol, stato menopausale e uso di ormoni (nella popolazione femminile).

Risultati principali

  • Rispetto al consumo minimo di latticini (media di 0,8 porzioni/dì), l’hazard ratio comune multivariata per la mortalità totale è stata di
    • HR=0,98 per un consumo medio di 1,5 porzione /dì;
    • HR=1 per un consumo medio di 2 porzioni/dì
    • HR=1,02 per un consumo medio di 2,8 porzioni /dì
    • HR=1,07 per un consumo medio di 4,2 porzioni/dì (P for trend
  • L’HR tra consumo massimo e minimo di latticini per mortalità cardiovascolare è risultata di 1,02, per mortalità oncologica 1,11, associazione non statisticamente significativa.
  • Solo per l’apporto di latte intero si è osservata una correlazione significativa per ogni mezza porzione (una porzione= 240 mL) in più al giorno con un aumento di mortalità generale (HR 1,11), cardiovascolare (HR 1,09) e oncologica (HR 1,11).

Perché è importante

  • Il dibattito sui benefici e i rischi dell’apporto di latticini nella dieta è ancora acceso.
  • Ci sono pochi dati provenienti da studi prospettici come questo, che comunque non porat a risultati definitivi, ma richiede ulteriori approfondimenti.