Lanzarin, 'in Veneto recrudescenza casi Covid in case di riposo'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Venezia, 29 mar. (Adnkronos Salute) - "Stiamo vedendo una recrudescenza di casi" Covid "nelle case di riposo. Su 30mila ospiti abbiamo mille positivi, paucisintomatici e senza necessità di ricovero. Questo denota come le persone fragili siano quelle con più possibilità di incontrare il virus. Per questo invece di portare i tamponi a 10 giorni per i sanitari, resteranno ogni 4 giorni fino a che la variante Omicron 2 circolerà in questo modo". Lo ha detto questa mattina a palazzo Balbi a Venezia l’assessore alla Sanità del Veneto, Manuela Lanzarin.

L'assessore ha spiegato che non saranno smantellati i presidi ma qualcosa cambierà. "Con il 31 marzo cessa lo stato di emergenza. Rimane l’isolamento per i positivi ma sparisce la quarantena per i contatti, sia che siano vaccinati sia che non lo siano". I presidi restano attivi per ogni necessità e rimane la riunione una volta a settimana con i direttori generali delle Ulss per fare il punto della situazione.