La vinorelbina metronomica evidenzia benefici nell’NSCLC metastatico

  • Pujol JL & al.
  • PLoS One
  • 01/01/2019

  • Craig Hicks
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La vinorelbina metronomica orale (metronomic oral vinorelbine, MOV) è una chemioterapia attiva e ben tollerata per il tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) metastatico.

Perché è importante

  • Studi precedenti che hanno esaminato la MOV come trattamento per l’NSCLC metastatico erano limitati dalle piccole dimensioni del campione.

Disegno dello studio

  • Metanalisi a livello del paziente di 9 studi che hanno coinvolto 418 pazienti (età media: 72,8±9,1 anni; 79,2% di sesso maschile) trattati con 30–50 mg di vinorelbina orale tre volte a settimana.
  • La maggior parte (82,1%) dei pazienti aveva malattia in stadio IV; l’80% presentava 1–4 caratteristiche di fragilità.
  • Finanziamento: Pierre Fabre Oncology.

Risultati principali

  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 8,7 mesi (IC 95%: 7,6–9,5 mesi).
  • Dopo l’avvio della terapia con vinorelbina l’OS risultava del 64% a 6 mesi, del 30,3% a 1 anno e dell’8,9% a 2 anni.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 4,2 mesi (IC 95%: 3,9–5 mesi).
  • La PFS era del 35% a 6 mesi e dell’11,9% a 1 anno.
  • Non è stata riportata alcuna tossicità nel 40% dei pazienti; il 15,8% ha sviluppato tossicità di grado 3–4.

Limiti

  • Gli studi inclusi nell’analisi avevano campioni di piccole dimensioni e schemi di follow-up diversi.