La terapia protonica ipofrazionata è sicura ed efficace nel tumore prostatico

  • Grewal AS & al.
  • Int J Radiat Oncol Biol Phys
  • 11/06/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia protonica moderatamente ipofrazionata (hypofractionated proton terapy, HFPT) è sicura e ottiene esiti oncologici e in termini di qualità della vita (quality of life, QoL) favorevoli nei pazienti con tumore prostatico localizzato a rischio da basso a intermedio.

Perché è importante

  • Mancano dati sull’HFPT nel tumore prostatico.
  • I risultati suggeriscono che un metodo di somministrazione più breve, a dosi più elevate può avere esiti comparabili a quelli della terapia protonica frazionata in modo standard.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 di 184 pazienti affetti da tumore prostatico localizzato a rischio da basso a intermedio che hanno ricevuto HFPT (70 Gy in 28 frazioni; stimato equivalente allo standard di 79,2 Gy in 44 frazioni) tra il 2010 e il 2017.
  • Finanziamento: Dipartimento della difesa statunitense.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 49,2 mesi.
  • Il tasso di sopravvivenza libera da fallimento biochimico-clinico (biochemical-clinical failure, BCF) a 4 anni era del 93,5% (IC 95%: 89%–98%). Non è stata osservata alcuna differenza tra gruppi di rischio (P>0,4):
    • basso rischio (n=18), 94,4% (IC 95%, 89%–100%);
    • rischio intermedio favorevole (n=78), 92,5% (IC 95%, 86%–100%);
    • rischio intermedio sfavorevole (n=88), 93,8% (IC 95%, 88%–100%).
  • Tempo mediano al BCF di 51 mesi.
  • Il tasso di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 4 anni era del 95,8% (IC 95%: 92%–100%). Non sono state osservate differenze statisticamente significative tra gruppi di rischio (P>0,7).
  • Il tasso di eventi avversi gastrointestinali e urologici acuti di grado ≥2 era rispettivamente del 3,8% e 12,5%; il corrispondente tasso di eventi di grado ≥2 tardivi era rispettivamente del 7,6% e 13,6%.
  • Gli esiti riferiti dai pazienti non differivano significativamente a 4 anni rispetto al basale.

Limiti

  • Mancanza di un gruppo comparatore.