La spondiloartrite assiale influenza anche il benessere psicologico


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nei pazienti con spondiloartrite assiale (SAa) si osserva un’elevata prevalenza di sintomi depressivi e di ridotto benessere psicologico.
  • Tale prevalenza si associa a parametri legati alla malattia, allo status socio-economico e allo stile di vita.
  • L’attenta valutazione dei sintomi depressivi dovrebbe essere parte integrante della strategia di gestione della SAa.

Descrizione dello studio

  • Partendo da dati di assicurazioni sanitarie in Germania, è stato identificato un campione di pazienti con diagnosi di SAa (International Classification of diseases, revisione 10, German Modification M45).
  • I pazienti sono stati invitati a rispondere a un questionario su fattori legati alla malattia, psicologici e di stile di vita e allo status socio-economico.
  • Sono state inoltre raccolte ulteriori informazioni per verificare la diagnosi di SAa.
  • Il benessere psicologico è stato valutato utilizzando il 5-item WHo Well-Being Index (WHo-5), considerato uno strumento di screening per la depressione.
  • Sono stati applicati specifici cut-off di punteggio per identificare: benessere, nessun sintomo depressivo (>50); sintomi depressivi lievi (29-50); sintomi depressivi moderati-gravi (≤28).
  • Sulla base delle richieste di risarcimento sono state raccolte informazioni su comorbilità, prescrizioni di farmaci e trattamenti non faramcologici, che sono poi state associate al questionario.
  • Fonte di finanziamento: Federal Ministry of Education and research; Leibniz ScienceCampus Chronic Inflammation.

Risultati principali

  • Sono state incluse nello studio 1.736 persone con diagnosi confermata di SAa.
  • In base ai cut-off stabiliti per il questionario WHo-5, 533 (31%) pazienti mostravano sintomi depressivi moderati-gravi, 479 (28%) sintomi lievi e 724 (42%) un buon livello di benessere.
  • Le analisi di regressione logistica hanno identificato alcuni dei fattori associati a sintomi depressivi moderati-gravi: attività di malattia più elevata, maggiore compromissione funzionale, reddito più basso, stress e mancanza di esercizio fisico auto-riferiti ed età più bassa.

Limiti dello studio

  • Il disegno cross-sectional dello studio non permette di determinare la direzione delle associazioni significative o di valutare le conseguenze dei sintomi depressivi sugli esiti a lungo termine della SAa.
  • I dati delle richieste di risarcimento vengono in genere raccolti per fini amministrativi e non scientifici.
  • È stato utilizzato un unico e semplice strumento di screening per valutare il benessere e i sintomi depressivi dei pazienti. 

Perché è importante

  • La SAa è una patologia infiammatoria cronica che coinvolge la colonna vertebrale e/o le articolazioni sacro-iliache.
  • Il sintomo principale è il dolore cronico alla schiena che si manifesta nelle prime fasi dell’età adulta, in genere prima dei 45 anni.
  • Studi precedenti suggeriscono che i pazienti con spondiloartrite hanno maggior probabilità di sviluppare sintomi depressivi dopo la diagnosi.
  • È importante determinare il livello di benessere psicologico e la prevalenza di sintomi depressivi in questa popolazione, identificando i fattori che influenzano tali condizioni.