La sopravvivenza nel tumore mammario è peggiore del 18% per gli uomini rispetto alle donne

  • JAMA Oncol

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli uomini con tumore mammario presentano una sopravvivenza peggiore del 20% rispetto alle donne negli Stati Uniti.

Perché è importante

  • Circa il 63,3% dell’eccesso di mortalità è attribuibile a un trattamento insufficiente e alle caratteristiche cliniche (ad es. una percentuale maggiore di diagnosi in stadio avanzato).
  • È necessaria maggiore ricerca sulle disparità nella sopravvivenza.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva (n=16.025 uomini e 1.800.708 donne con tumore mammario) ottenuta dal National Cancer Database (2004–2014).
  • Finanziamento: China Scholarship Council.

Risultati principali

  • Gli uomini presentavano una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) inferiore rispetto alle donne:
    • tassi di OS a 3 anni dell’86,4% rispetto al 91,7% per le donne;
    • tassi di OS a 5 anni del 77,6% rispetto all’86,4% per le donne.
  • L’eccesso di mortalità negli uomini è stato osservato per qualsiasi stadio al momento della diagnosi di tumore mammario.
  • Il 63,3% dell’eccesso di mortalità è attribuibile alle caratteristiche cliniche e a sottotrattamento:
    • gli uomini erano più anziani alla diagnosi, 63,3 anni rispetto a 59,9 anni per le donne;
    • gli uomini presentavano inoltre una percentuale maggiore di diagnosi in stadio avanzato, 14,0% rispetto a 8,9% in stadio III; 5,8% rispetto a 3,8% in stadio IV;
    • gli uomini presentavano inoltre una probabilità inferiore di ricevere terapia endocrina (57,9% vs. 70,2% dei casi positivi per i recettori ormonali) e radioterapia (64,9% vs. 78,6% dopo chirurgia conservativa della mammella).
  • Dopo la correzione per i fattori clinici e terapeutici, gli uomini presentavano una mortalità totale maggiore (aHR; 1,18; IC 95%: 1,15–1,22).

Limiti

  • La causa del decesso non è stata acquisita.