La sopravvivenza nel tumore della prostata migliora con la radioterapia del tumore primario nella malattia in stadio IV

  • Univadis Clinical Summaries
  • PLoS One.

  • Dawn O'Shea
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano
Conclusioni
  • La radioterapia del tumore primario è associata a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e a una sopravvivenza libera da fallimento biochimico (biochemical failure-free survival, BCFFS) migliori nel tumore della prostata metastatico. 


Risultati principali

  • La OS (69% vs. 43%; P=0,004) e la BCFFS (52% vs. 16%; P=0,002) erano migliori nei pazienti trattati con radioterapia prostatica (prostate radiotherapy, PRT). 
  • L’analisi multivariata ha identificato la PRT come un predittore significativo della OS (HR 0,43; P=0,015). 
  • Nessuno dei 38 pazienti trattati con PRT ha accusato tossicità genitourinaria o gastrointestinale di grado ≥3. 
  • L’analisi stratificata ha suggerito un effetto maggiore tra i pazienti che presentavano solo metastasi ossee alla diagnosi e con un buono stato di validità.


Disegno dello studio

  • In 140 uomini con tumore della prostata metastatico alla diagnosi iniziale, le sedi di metastasi sono state suddivise in 4 gruppi: unico osso, 2-4 ossa, ≥5 ossa e organi viscerali. 
  • Sono stati confrontati caratteristiche del paziente, del tumore e del trattamento e gli esiti clinici di pazienti trattati con radioterapia prostatica [gruppo radioterapia prostatica (PRT)] o non sottoposti a radioterapia del tumore primario.


Limiti

  • Studio pilota non randomizzato, con campione di dimensioni relativamente piccole.


Perché è importante

  • La radioterapia del tumore primario nel tumore della prostata in stadio IV richiede ulteriori sperimentazioni.