La sede del tumore del labbro è predittiva delle metastasi

  • JAMA Dermatol

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il carcinoma a cellule squamose cutaneo (cutaneous squamous cell carcinoma, cSCC) sul labbro vermiglio è associato a un rischio maggiore di metastasi linfonodali rispetto a quello sul labbro cutaneo.

Perché è importante

  • L’influenza della sede sul rischio di metastasi e di mortalità era sconosciuta; l’alto rischio di metastasi della sede sul labbro vermiglio può giustificare la stadiazione radiologica dei linfonodi.

Risultati principali

  • Il 44,5% dei cSCC era situato sul labbro cutaneo e il 55,5% sul labbro vermiglio.
  • Sono stati determinati gli esiti per la sede sul labbro vermiglio rispetto al labbro cutaneo:
    • 6,4% vs. 2,9% per la recidiva locale;
    • 7,6% vs. 1,5% per le metastasi linfonodali;
    • 0,6% vs. 0,7% per le metastasi a distanza;
    • 3,5% vs. 2,9% per la mortalità malattia-specifica;
    • 26,7% vs. 29,0% per la mortalità per qualsiasi causa.
  • I tumori sul labbro vermiglio presentavano una probabilità maggiore di avere un diametro ≥2 cm (16,8% vs. 5,9%; P=0,004) e una differenziazione moderata/scarsa (28,5% vs. 15,9%; P=0,01).
  • Le metastasi linfonodali erano associate a sede sul labbro vermiglio (subhazard ratio [SHR] 5,0; IC 95%: 1,1–23,8) e invasione oltre il tessuto adiposo (fascia o oltre per il labbro vermiglio) (SHR: 4,4; IC 95%: 1,3–14,9).
  • I cSCC del labbro vermiglio inferiore e superiore presentavano tassi di metastasi linfonodali simili (7,9% vs. 6,3%; P>0,99).

Disegno dello studio

  • In 303 pazienti con cSCC del labbro sono state analizzate le associazioni tra sede della malattia ed esiti.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Disegno retrospettivo.