La ricerca di partner sessuali online è collegata a comportamenti a rischio


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La ricerca di partner online è stata associata a marcatori di rischio sessuale che potrebbero essere importanti per la valutazione del rischio clinico.
  • A questo probabile aumento di rischio non è stato associato un maggiore utilizzo dei servizi sanitari relativi alla salute sessuale.
  • Rispetto al periodo a cui si riferisce lo studio, le opportunità online per trovare partner sono aumentate, quindi questi dati potrebbero sottovalutare l'importanza del fenomeno.

Descrizione dello studio

  • A 15.162 adulti residenti in Gran Bretagna (età 16-74 anni) che nel  2010-2012 partecipavano al terzo National Survey of Sexual Attitudes and Lifestyles (Natsal-3) è stato chiesto se avessero avuto partner sessuali incontrati online nell’anno precedente.
  • È stato anche richiesto un campione di urine per verificare la presenza di malattie sessualmente trasmissibili.
  • I ricercatori hanno identificato i fattori associati alla ricerca di partner sessuali online e ne hanno stimato la prevalenza.

Risultati principali

  • La ricerca di partner sessuali online è stata segnalata dal 17,6% (IC 95% da 15,6 a 19,9) degli uomini e dal 10,1% (da 8,5 a 11,9) delle donne, ed era più comune nella fascia di età da 35 a 44 anni.
  • Dopo l'aggiustamento per età, gli individui che riferivano un'identità non eterosessuale avevano maggiore probabilità di utilizzare strumenti online per la ricerca di partner.
  • Trovare un partner online era associato alla segnalazione di comportamenti a rischio sessuale, tra cui sesso senza preservativo con almeno 2 partner (OR aggiustato (aOR) uomini: 1,52; donne: 1,62), avere più partner contemporaneamente (aOR uomini: 2,33; donne: 2,41) e avere un maggior numero di partner (aOR di riferire almeno 5 partner, uomini: 5,95; donne: 7,00)
  • La diagnosi di malattie sessualmente trasmissibili e l’esecuzione di test per HIV erano più comuni tra gli uomini che hanno riferito di trovare partner online, ma non tra le donne.

Perché è importante

  • Le piattaforme online facilitano i rapporti sessuali, ma l'associazione tra l'uso di questi strumenti e i il rischio di contrarre malattie sessualmnte trasmissibili non è ancora del tutto chiara.
  • L'Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani (Adoi) ha lanciato recentemente un invito alla prevenzione rivolto innanzitutto ai giovani, data l’alta prevalenza di malattie sessualmente trasmissibili e il grandissimo aumento di casi di sifilide, che potrebbe essere amplificato dalla facilità degli incontri sessuali occasionali dovuta all'utilizzo di Internet e delle app.