La radioterapia postoperatoria migliora la OS nell’NSCLC in stadio N2

  • Gao F & al.
  • J Natl Compr Canc Netw
  • 01/06/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La radioterapia postoperatoria (postoperative radiotherapy, PORT) nel tumore polmonare non a piccole cellule (non small-cell lung cancer, NSCLC) in stadio IIIA è associata a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) significativamente migliore nei pazienti con malattia in stadio N2, specialmente quelli con ≥6 linfonodi positivi.
  • Tuttavia, in questo studio la PORT è risultata associata a una mortalità significativamente maggiore nei pazienti con malattia in stadio N1.  

Perché è importante

  • La ricerca dell’OS con PORT ha ottenuto risultati contrastanti.

Disegno dello studio

  • 5.168 pazienti con NSCLC in stadio IIIA sottoposto a resezione del database Surveillance, Epidemiology, and End Results sono stati trattati con PORT (n=1.711) oppure no (n=3.457).
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Nessuna differenza significativa nell’OS nella malattia in stadio N0.
  • OS significativamente migliore in caso di sola chemioterapia postoperatoria (postoperative chemotherapy, POCT) rispetto a POCT + PORT nella malattia in stadio N2:
    • 56 rispetto a 32 mesi (P=0,0004).
  • I pazienti con malattia in stadio N2 e ≥6 linfonodi positivi che hanno ricevuto PORT hanno ottenuto una OS significativamente migliore rispetto a quelli che non l’hanno ricevuta:
    • 31 rispetto a 22 mesi (P
  • Questi pazienti hanno ottenuto una OS migliore anche con POCT + PORT rispetto a sola POCT:
    • 32 rispetto a 25 mesi (P=0,009).
  • La PORT era associata a una OS significativamente migliore nei pazienti con malattia in stadio N2 e
  • 47 rispetto a 41 mesi (P=0,002).
  • Il beneficio non è stato osservato con POCT + PORT.
  • La mortalità a 3 e 5 anni era significativamente maggiore nella malattia in stadio N1 trattata con PORT (P=0,005), ma significativamente inferiore nella malattia in stadio N2 e ≥6 linfonodi positivi (P=0,022).
  • Limiti

    • Studio retrospettivo.