La pregressa citopenia predice un esito clinico peggiore nella leucemia mieloide acuta

  • Univadis Clinical Summaries
  • Leuk Res.

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Un recente studio ha ipotizzato che i pazienti con citopenie precedenti la leucemia mieloide acuta (LMA), ma senza pregressa sindrome mielodisplastica (myelodysplastic syndrome, MDS) nota, possono presentare caratteristiche biologiche simili alla LMA con alterazioni correlate a mielodisplasia (LMA-myelodysplasia-related changes, LMA-MRC). I dati suggeriscono che i pazienti con LMA con pregresse citopenie presentano caratteristiche simili alla LMA-MRC e confermano l’uso di trombocitopenia inspiegata precedente come marcatore indipendente di malattia ad alto rischio.

Metodo

  • Valutazione di 140 pazienti con LMA senza pregressa MDS con dati sull’emocromo con formula (complete blood count, CBC) disponibili 6-36 mesi prima della diagnosi
  • La citopenia, definita come trombocitopenia clinicamente inspiegata o anemia macrocitica, era presente in 29/140 (21%) pazienti

Risultati
  • La pregressa citopenia era associata a una sopravvivenza inferiore nei pazienti con citogenetica a rischio intermedio (OS mediana 4,2 rispetto a 24,1 mesi, p
  • Nell’analisi multivariata la pregressa trombocitopenia, ma non l’anemia macrocitica, era associata in modo significativo a una sopravvivenza globale inferiore (p=0,01) indipendentemente dall’approccio al trattamento, dal rischio legato al cariotipo e dall’età.