La preferenza “persona mattiniera” è legata a un rischio inferiore di tumore mammario

  • Richmond RC & al.
  • BMJ
  • 26/06/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Essere una persona mattiniera può proteggere causalmente contro i tumori mammari, mentre un sonno di lunga durata può aumentare il rischio, secondo un’analisi con randomizzazione mendeliana (Mendelian Randomization, MR) di 2 ampi insiemi di dati nel Regno Unito.

Perché è importante

  • Valutare di informare le pazienti che alcune caratteristiche del sonno sono fattori di rischio modificabili.

Disegno dello studio

  • Analisi RM (che esplora le associazioni causali) della biobanca britannica (UK Biobank) prospettica (n=7.784 casi di tumore mammario) e del Breast Cancer Association Consortium (BCAC; 122.977 casi; 105.974 soggetti di controllo).
  • Caratteristiche del sonno: cronotipo (preferenza per mattina o sera), insonnia, durata del sonno nella regressione multivariabile (UK Biobank).
  • L’analisi RM utilizza polimorfismi a singolo nucleotide (single-nucleotide polymorphism, SNP) associati a specifiche caratteristiche del sonno in studi di associazione sull’intero genoma (UK Biobank e BCAC).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH); altri.

Risultati principali

  • La preferenza per il mattino rispetto alla sera era inversamente associata a tumore mammario incidente nell’analisi di regressione multivariabile della UK Biobank (HR: 0,95; IC 95%: 0,93–0,98/aumento della categoria).
  • Nell’analisi RM di 1 campione della UK Biobank 341 SNP associati al cronotipo hanno evidenziato un effetto protettivo della preferenza per il mattino (HR: 0,85; IC 95%: 0,70–1,03/aumento della categoria).
  • L’analisi RM di 2 campioni della BCAC ha suggerito un effetto protettivo della preferenza per il mattino (OR: 0,88; IC 95%: 0,82–0,93/aumento della categoria) e un effetto avverso per una durata del sonno maggiore (>8 vs. 7–8 ore; OR: 1,19; IC 95%: 1,02–1,39/aumento in ore).
  • L’insonnia è risultata non correlata ai tumori mammari in entrambi i database.

Limiti

  • Le caratteristiche del sonno erano autoriferite.