La pre-eclampsia mette a rischio a lungo termine i reni delle madri


  • Cristina Ferrario - Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La pre-eclampsia si associa a un incremento del rischio di nefropatia cronica, ipertensione renale e malattia glomerulare/proteinuria.
  • Questa associazione è particolarmente forte nelle gravidanze pretermine, con parto prima delle 34 settimane di gestazione, e nei primi anni dopo l’ultima gravidanza.
  • L’identificazione precoce di nefropatie croniche permetterebbe un intervento precoce per ritardare la progressione di malattia.
  • Servono ulteriori analisi per stabilire con maggior precisione quali donne possono trarre beneficio da un controllo più stretto della salute renale.

Descrizione dello studio

  • Lo studio di coorte basato sul registro nazionale danese ha coinvolto tutte le donne con almeno una gravidanza giunta a 20 o più settimane di gestazione nel periodo 1978-2015.
  • L’esito principale erano gli hazard ratio (HR) derivati dal confronto dei tassi di malattia renale tra donne con e senza storia di pre-eclampsia.
  • I risultati sono stati ottenuti con regressione logistica di Cox e stratificazione per età gestazionale al momento del parto.
  • Fonte di finanziamento: Danish Council for Independent Research.

Risultati principali

  • Sono state coinvolte nello studio 1.072.330 donne seguite in media per 18,6 anni/donna.
  • Rispetto alle donne senza precedente pre-eclampsia, quelle con storia accertata di tale disturbo avevano maggiori probabilità di sviluppare problemi renali cronici: HR 3,93 per i parti pretermine con meno di 34 settimane di gestazione; HR 2,81 per parti pretermine tra 34-36 settimane e HR 2,27 per i parti a termine (≥37 settimane).
  • Sono state osservate associazioni forti in particolare per nefropatia cronica, ipertensione a livello renale e malattia glomerulare/proteinuria.
  • Gli aggiustamenti per malattia cardiovascolare e ipertensione hanno attenuato solo leggermente l’associazione.
  • La stratificazione in base al tempo trascorso dalla gravidanza ha mostrato che l’associazione tra pre-eclampsia e nefropatia cronica e malattia glomerulare/proteinuria era molto più forte nei primi 5 anni dall’ultima gravidanza (HR 6,11 e 4,77, rispettivamente) rispetto a 5 o più anni dall’ultima gravidanza (HR 2,06 e 1,50).
  • Le associazioni tra pre-eclampsia e condizioni renali acute sono risultate modeste.

Limiti dello studio

  • La sensibilità della registrazione delle diagnosi di pre-eclampsia è risultata solo moderata (69%).
  • Nel corso del periodo di studio la definizione di pre-eclampsia e le modalità diagnostiche si sono modificate.
  • Non è possibile escludere errori di classificazione per le malattie renali prese in considerazione.
  • Le caratteristiche della popolazione rendono difficile generalizzare i risultati.

Perché è importante

  • Alla pre-eclampsia si associa una ben documentata disfunzione renale, ma le ripercussioni di questo innalzamento della pressione sulla futura salute renale delle madri non sono chiare.
  • La dimostrazione dell’esistenza di un legame tra pre-eclampsia e malattia renale cronica potrebbe aiutare i medici a identificare gruppi di donne a rischio elevato di nefropatia sulla base della storia di pre-eclampsia.