La PET con PSMA è accurata per individuare la recidiva del tumore della prostata

  • Fendler WP & al.
  • JAMA Oncol
  • 28/03/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La diagnostica per immagini mediante tomografia a emissione di positroni (positron emission tomography, PET) con 68Ga-antigene prostatico specifico di membrana-11 (prostate-specific membrane antigen, PSMA) evidenzia un elevato valore predittivo positivo (positive predictive value, PPV), un alto tasso di identificazione e un’alta concordanza tra lettori nei pazienti affetti da tumore della prostata con recidiva biochimica.
  • Non sono stati riportati eventi avversi di grado ≥2.

Perché è importante

  • Questo studio conferma l’utilità dello screening mediante PET con 68Ga-PSMA-11 per l’individuazione precoce delle metastasi osservata in studi retrospettivi precedenti.

Disegno dello studio

  • Studio prospettico multicentrico.
  • Seicentotrentacinque pazienti con tumore della prostata recidivante sottoposti a diagnostica per immagini mediante PET con 68Ga-PSMA-11.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il PPV era 0,84 per tumore su base per paziente e per regione (rispettivamente IC 95%: 0,75–0,90 e 0,76–0,91).
  • Il tasso complessivo di individuazione della PET era del 75%.
  • Il tasso di individuazione era significativamente alto negli intervalli di PSA predefiniti:
  • La concordanza tra lettori era notevole per tutte le 4 regioni, κ: letto prostatico, 0,65; linfonodi pelvici, 0,73; tessuto molle extrapelvico, 0,70; ossa, 0,78.
  • Non è stato riportato alcun evento avverso di grado ≥2; il 2% dei pazienti ha sviluppato tossicità di grado 1.
  • Dopo la terapia focale diretta dalla PET l’80% di 39 pazienti ha evidenziato una riduzione ≥50% del PSA.

Limiti

  • Studio a gruppo singolo.