La mammografia 3D dimostra benefici nella stadiazione del carcinoma mammario

  • Fontaine M & al.
  • Radiology
  • 09/04/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di mammografia digitale con tomosintesi (digital breast tomosynthesis, DBT, nota anche come mammografia 3D) alla mammografia digitale (digital mammography, DM) migliora l’individuazione di tumori ipsilaterali e controlaterali durante la stadiazione del carcinoma mammario di nuova diagnosi.

Perché è importante

  • La DBT ha evidenziato benefici nello screening del cancro, ma esistono dati limitati sull’uso aggiuntivo durante la stadiazione di malattia già accertata.
  • I benefici si limitano alle donne con mammelle non dense.

Disegno dello studio

  • Quattro radiologi indipendenti hanno esaminato immagini di DM e di DM+DBT di 166 pazienti affette da carcinoma mammario di età >40 anni (media: 59,5±11 anni) con lesioni
    di categoria mammografica 4 o 5 secondo
    il sistema di refertazione e di dati della diagnostica per immagini mammaria (Breast Imaging Reporting and Data Systems, BI-RADS).
  • La RM mammaria e le verifiche istopatologiche sono state utilizzate come standard di riferimento.
  • Finanziamento: Hologic France.

Risultati principali

  • DM+DBT (rispetto a DM) hanno evidenziato una maggiore sensibilità nella diagnosi di lesioni multicentriche (51% vs. 37%; P=0,002) e di lesioni ipsilaterali aggiuntive (52% vs. 44%; P=0,007).
  • DM+DBT (rispetto a DM) hanno ottenuto prestazioni diagnostiche migliori nella valutazione del carcinoma mammario bilaterale (area sotto la curva [area under the curve, AUC] receiver operating characteristic: 0,74 vs. 0,67; P=0,02).
  • DM+DBT (rispetto a DM) hanno evidenziato migliori prestazioni diagnostiche (solo nelle mammelle non dense) nella valutazione delle lesioni ipsilaterali (AUC: 0,74 vs. 0,70; P=0,04) e delle lesioni controlaterali (0,76 vs. 0,68; P=0,02).

Limiti

  • Potenziale sovrastima della sensibilità della diagnostica per immagini nella diagnosi del tumore indice.