La lobectomia è migliore della SABR nell’NSCLC in stadio I

  • Khakwani A & al.
  • Thorax
  • 26/12/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio IA–IB sottoposti a lobectomia presentano una sopravvivenza a lungo termine significativamente migliore rispetto a quelli trattati con radioterapia stereotassica ablativa (stereotactic ablative radiotherapy, SABR).

Perché è importante

  • Dato il continuo aumento dell’uso di SABR nell’NSCLC allo stadio iniziale, erano necessari dati sugli esiti a lungo termine rispetto alla lobectomia, l’attuale raccomandazione per l’NSCLC in stadio I nelle linee guida del nuovo National Institute for Health and Care Excellence (NICE) inglese.

Disegno dello studio

  • 2.373 pazienti con NSCLC in stadio IA–IB e stato di validità (performance status; PS) 0–2 sono stati sottoposti a lobectomia (n=1.897) o SABR (n=476).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • I predittori indipendenti di SABR includevano malattia in stadio IA, età ≥65 anni, comorbilità e PS 1–2.
  • Il tempo mediano tra diagnosi e trattamento era di 17 giorni nel gruppo sottoposto a lobectomia rispetto a 73 giorni in quello trattato con SABR.
  • Non è stata osservata alcuna differenza nella mortalità per tutte le cause entro 180 giorni dal trattamento con SABR o dal trattamento chirurgico.
  • Tuttavia, rispetto alla lobectomia, la mortalità per tutte le cause era significativamente maggiore in caso di SABR:
    • dopo 1 anno, aOR=2,12 (IC 95%, 1,35–3,31);
    • dopo 2 anni, aOR=2,20 (IC 95%, 1,56–3,09).

Limiti

  • Mancanza di dati sulla funzionalità polmonare come pure sulla sede o sulle dimensioni del tumore.