La gravidanza dopo il tumore mammario è sicura nelle donne coreane

  • Bae SY & al.
  • Breast

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una coorte di popolazione coreana, la prognosi del tumore mammario non è peggiore nelle donne che iniziano una gravidanza rispetto a quelle che non lo fanno.
  • Il tipo di trattamento non modifica questa conclusione.

Perché è importante

  • I risultati di questo studio su donne coreane sono sostanzialmente in linea con i risultati ottenuti in donne che iniziano una gravidanza dopo il tumore mammario cinesi, statunitensi ed europee.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, retrospettivo di 45.765 donne (età di 20–45 anni) del Database dell’assicurazione sanitaria nazionale coreano (Korean National Health Insurance Database) con diagnosi recente di tumore mammario nel periodo dal 2004 al 2014.
  • Le pazienti in gravidanza sono state confrontate con le pazienti non in gravidanza.
  • È stata ]condotta anche un’analisi di sottogruppo in base al tipo di trattamento.
  • Finanziamento: Ospedale universitario nazionale di Chungbuk; Korean Breast Cancer Society; altri.

Risultati principali

  • Durata mediana del follow-up di 97,9 mesi.
  • Il 4% della coorte ha iniziato una gravidanza dopo una diagnosi di tumore mammario, con un tempo mediano alla gravidanza di 3,3 anni.
  • Il gruppo delle donne in gravidanza ha evidenziato un rischio inferiore di decesso rispetto al gruppo non in gravidanza (HR=0,43; P<0,001), come pure il gruppo con bambini nati vivi rispetto al gruppo non in gravidanza (HR=0,27; P<0,001).
  • Analisi di sottogruppo:
    • terapia endocrina più chemioterapia: il gruppo con bambini nati vivi ha evidenziato un rischio inferiore di decesso rispetto al gruppo non in gravidanza (HR=0,31; P<0,001);
    • chemioterapia più trastuzumab con o senza terapia endocrina: nessuna differenza tra gruppo con bambini nati vivi e gruppo non in gravidanza.

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.