La diagnosi di tumore mammario post-partum nelle donne giovani è legata a una sopravvivenza peggiore

  • Shagisultanova E & al.
  • Eur J Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una diagnosi di tumore mammario entro 5 anni dal parto (tumore mammario post-partum) nelle donne giovani è collegata a una prognosi peggiore rispetto alla nulliparità prima della diagnosi (tumore mammario nulliparo).
  • L’associazione risulta più forte nelle donne diagnosticate a un’età 35 anni e in quelle con malattia in stadio I.

Perché è importante

  • Le donne affette da tumore mammario post-partum rappresentano una percentuale considerevole delle pazienti con diagnosi di tumore mammario prima dei 45 anni di età.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno analizzato i dati aggregati della coorte di giovani donne con tumore mammario del Colorado (Colorado Young Women Breast Cancer Cohort) e dello studio sulle disparità sanitarie nel tumore mammario (Breast Cancer Health Disparities Study), che hanno coinvolto un totale di 2.519 donne con diagnosi di tumore mammario.
  • L’esito primario era la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) nell’arco di 15 anni di follow-up.
  • Finanziamento: sussidi del Cancer Center dell’Università del Colorado, National Institutes of Health e altri.

Risultati principali

  • Nell’analisi multivariata il tumore mammario post-partum è risultato un fattore indipendente di prognosi infausta.
  • Le donne con diagnosi di tumore mammario nulliparo a un’età <45 anni hanno evidenziato una OS migliore rispetto a quelle con tumore mammario post-partum (HR=0,61; IC 95%, 0,42–0,87).
  • Il beneficio in termini di OS è risultato più pronunciato nelle donne con tumori in stadio I (HR=0,30; IC 95%, 0,11–0,79) e nelle donne diagnosticate a un’età 35 anni (HR=0,44; IC 95%, 0,23–0,84).

Limiti

  • L’indice di massa corporea (body mass index, BMI) e il grado del tumore sono stati esclusi dal modello multivariato a causa di valori mancanti.
  • Lo stato per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2 delle donne non era disponibile.