La depressione è legata a una scarsa sopravvivenza nei tumori ematologici

  • Hasegawa T & al.
  • Psychooncology
  • 02/07/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con tumori maligni ematologici e depressione al basale evidenziano una sopravvivenza inferiore, indipendentemente dal fatto che rimangano depressi o recuperino dalla depressione.

Perché è importante

  • Il 12%–33% dei pazienti con tumori maligni ematologici evidenzia sintomi di depressione.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare i sintomi depressivi di 255 pazienti con linfoma maligno (n=184) o mieloma multiplo (n=71) di nuova diagnosi prima della chemioterapia (T1) e 1 mese più tardi (T2), usando il questionario sulla salute del paziente-9 (Patient Health Questionnaire, PHQ-9).
  • I pazienti con sintomi depressivi sono stati suddivisi come segue:
    • nuovi sintomi depressivi al T2 (nuova insorgenza; n=19);
    • remissione dei sintomi depressivi al T2 (remissione; n=38);
    • sintomi depressivi persistenti dal T1 al T2 (persistenti; n=26).
  • Finanziamento: Società per la promozione della scienza giapponese; altri.

Risultati principali

  • Sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) inferiore nei pazienti con depressione rispetto a quelli senza (aHR: 2,43; IC 95%: 1,43–4,12; P
  • HR corretti per l’OS (pazienti mai stati depressi come gruppo di riferimento):
    • nuova insorgenza, aHR=1,91; IC 95%, 0,77–4,75; P=0,166;
    • remissione, aHR=2,98; IC 95%, 1,55–5,74; P=0,001;
    • persistenti, aHR: 2,17; IC 95%, 1,01–4,68; P=0,047.
  • OS inferiore nei pazienti depressi rispetto a quelli mai stati depressi a seconda del tumore maligno:
    • linfoma maligno, aHR=2,72; IC 95%, 1,30–5,71; P ranghi logaritmici=0,004;
    • mieloma multiplo, aHR=2,39; IC 95%, 0,94–6,08; P ranghi logaritmici=0,050.

Limiti

  • Dati riferiti dai pazienti tramite questionari; nessuna valutazione basata su colloqui.