La CTS amplia i criteri di prescrizione di Evusheld per la profilassi pre esposizione nei soggetti ad alto rischio di malattia severa COVID-19

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIFA Agenzia Italiana del Farmaco

La CTS amplia i criteri di prescrizione di Evusheld per la profilassi pre esposizione nei soggetti ad alto rischio di malattia severa COVID-19

In data 07/06/2022 la Commissione Tecnico Scientifica (CTS) di AIFA ha ampliato la possibilità di  trattamento con la combinazione tixagevimab/cilgavimab (Evusheld) per la profilassi pre-esposizione nei soggetti ad alto rischio di malattia COVID-19 severa. Tale profilassi potrà essere prescritta, nell’ambito delle categorie di rischio già identificate, senza la necessità di effettuare la sierologia per anticorpi anti-SARS-CoV-2.

La Commissione ha stabilito di lasciare al clinico la decisione di trattamento con Evusheld in base alla valutazione del singolo paziente, in considerazione dell’impossibilità di definire un cut-off affidabile relativamente alla presenza o all’assenza di protezione sulla base di uno specifico livello di anticorpi, e in considerazione del fatto che la selezione dei pazienti a rischio è comunque affidata a un ambito altamente specialistico.

La CTS continuerà a valutare l’efficacia e la durata dell’effetto protettivo della combinazione di anticorpi monoclonali anche rispetto all’evoluzione del quadro epidemiologico e delle varianti circolanti, in modo di adattare la strategia alla situazione epidemiologica e alle evidenze via via acquisite.

Pubblicato il: 09 giugno 2022

- Riproduzione riservata e per uso personale