La combinazione atezolizumab-bevacizumab è attiva nel tumore renale con istologia variante o sarcomatoide

  • McGregor BA & al.
  • J Clin Oncol
  • 13/11/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Atezolizumab + bevacizumab sono ben tollerati ed ottengono risposte obiettive nei pazienti affetti da carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) in stadio avanzato con istologia variante o una differenziazione sarcomatoide ≥20%.
  • I pazienti con tumori positivi per il ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death ligand 1, PD-L1) evidenziano un aumento significativo del tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR).

Perché è importante

  • I risultati sottolineano la necessità di valutare combinazioni di inibitori del checkpoint immunitario per migliorare gli esiti di questi pazienti con esigenze cliniche insoddisfatte.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 di 60 pazienti affetti da RCC in stadio avanzato con istologia variante o RCC di qualsiasi istologia con differenziazione sarcomatoide ≥20%, trattati con atezolizumab + bevacizumab.
  • Esito primario: ORR.
  • Finanziamento: Roche; Genentech.

Risultati principali

  • Durata mediana del follow-up di 13 mesi.
  • Il 65% dei pazienti era naïve al trattamento.
  • L’ORR complessivo era del 33%.
  • L’ORR era del 50% nei pazienti affetti da RCC a cellule chiare con differenziazione sarcomatoide e del 26% nei pazienti affetti da RCC con istologico variante (P=0,13).
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 8,3 mesi (IC 95%: 5,7–10,9 mesi).
  • L’ORR dei pazienti PD-L1-positivi era del 60% rispetto al 19% nei pazienti PD-L1-negativi (P=0,01).
  • Il 33% dei pazienti ha riportato tossicità correlate al trattamento di grado 3.
  • Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni erano stanchezza, proteinuria, dolore muscoloscheletrico, diarrea ed eruzione cutanea.
  • La qualità della vita è stata mantenuta per tutto il periodo dello studio.

Limiti

  • Mancanza di un comparatore.
  • Campione di piccole dimensioni.