La chemioterapia per la recidiva del tumore mammario ipsilaterale non evidenzia alcun beneficio a lungo termine

  • Baek SY & al.
  • Breast Cancer Res Treat

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio di coorte appaiato in base all’indice di propensione indica che la chemioterapia per recidiva del tumore mammario ipsilaterale (ipsilateral breast tumor recurrence, IBTR) dopo chirurgia conservativa della mammella non è associata ad alcun beneficio a lungo termine in termini di sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS) a 10 anni, sopravvivenza libera da metastasi a distanza (distant metastasis-free survival, DMFS) e sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • I risultati sono simili nell’analisi in base allo stato per i recettori ormonali.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono che la chemioterapia può essere omessa nel trattamento dell’IBTR, a prescindere dallo stato per i recettori ormonali.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte retrospettivo di pazienti affette da IBTR (n=217) presso un ospedale coreano (periodo 1990–2013).
  • Pazienti sottoposte a chemioterapia (n=35) per IBTR sono state confrontate con pazienti non sottoposte a chemioterapia (n=35) dopo appaiamento in base all’indice di propensione in base a, tra le altre covariate, età al momento del trattamento chirurgico iniziale, stadio T iniziale, stadio N iniziale, radioterapia, stato per l’HER2 dell’IBTR e terapia endocrina dopo IBTR.
  • Finanziamento: Asan Cancer Institute dell’Asan Medical Center, Seul, Corea del Sud.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 125,3 mesi.
  • Nessuna differenza tra gruppo non sottoposto a chemioterapia e gruppo sottoposto a chemioterapia in termini di:
    • seconda RFS a 10 anni, 50,2% rispetto a 39,8% (HR=0,95; IC 95%, 0,50–1,80);
    • DMFS, 85,4% rispetto a 70,3% (HR=1,51; IC 95%, 0,66–3,44);
    • OS, 81,6% rispetto a 68,6% (HR=1,73; IC 95%, 0,76–3,90).
  • I risultati sono simili, ovvero nessuna differenza, con stratificazione delle pazienti in base allo stato per i recettori ormonali (stato positivo per i recettori ormonali e stato negativo per i recettori ormonali).

Limiti

  • Studio monocentrico.
  • Disegno retrospettivo osservazionale.
  • Revisione delle cartelle cliniche.