La chemioterapia è migliore della terapia endocrina come trattamento neoadiuvante del tumore della mammella ER+

  • Clin Breast Cancer

  • Emily Willingham, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nel tumore della mammella positivo per il recettore degli estrogeni (estrogen receptor, ER), la chemioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemotherapy, NACT) è migliore della terapia endocrina neoadiuvante (neoadjuvant endocrine therapy, NET) in termini di riduzione dello stadio del tumore e risposta completa in pazienti appaiate.

Perché è importante

  • I risultati contraddicono l’idea che le pazienti con tumori ER+, HER2- ottengano tassi simili di riduzione dello stadio con un breve ciclo di NET rispetto a NACT.
  • L’interesse dei medici si concentra sulla NET in questa popolazione di pazienti, nonostante i dati sulla riduzione dello stadio e sugli esiti a lungo termine non siano coerenti e la mancanza di dati di ampie sperimentazioni randomizzate prospettiche che confrontino NACT e NET. 

Risultati principali

  • Il 63% delle pazienti ha ricevuto NACT, il 29% NET, l’8% ha ricevuto i trattamenti in sequenza.
  • Le donne nel gruppo sottoposto a NET erano significativamente più anziane e presentavano uno stadio clinico inferiore (entrambi P
  • La riduzione dello stadio clinico è risultata più frequente con NACT (20/51, 39,2%) rispetto a NET (11/51, 21,6%) nelle pazienti appaiate (P=0,032).
  • Il tasso di risposta clinica completa era del 3,9% con NET (2/51) rispetto al 37,3% con NACT (19/51; P
  • Il tasso di risposta patologica completa era del 2,1% con NET e NACT, con 1 paziente in ciascun gruppo.
  • Il 25,5% delle pazienti nel gruppo NET è stato sottoposto a mastectomia parziale rispetto al 27,5% nel gruppo NACT (P=0,05).

Disegno dello studio

  • Studio prospettico di un database di pazienti con tumore della mammella ER+/HER2- sottoposte a trattamento neoadiuvante nel periodo 2012–2017.
  • Pazienti appaiate in base a età, stadio e grado.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Mancanza di randomizzazione, campione relativamente piccolo.