La chemioterapia adiuvante può determinare benefici nel tumore del colon ostruttivo in stadio II

  • Sabbagh C & al.
  • Ann Surg
  • 14/02/2020

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La chemioterapia adiuvante è associata a sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) migliori nel tumore del colon ostruttivo in stadio II.

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio a esaminare l’associazione tra chemioterapia adiuvante ed esiti in modo specifico per il tumore del colon ostruttivo in stadio II.

Disegno dello studio

  • Studio multicentrico, retrospettivo, di coorte, appaiato in base all’indice di propensione (n=504).
  • I ricercatori hanno utilizzato un’analisi con effetto medio del trattamento sui pazienti trattati (Average Treatment effect on the Treated, ATT), nella quale i pazienti trattati avevano un peso di 1 e i pazienti non trattati avevano pesi corrispondenti alla relativa probabilità di ricevere il trattamento.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 35,5% dei pazienti ha ricevuto chemioterapia adiuvante.
  • Un’analisi multivariata con ponderazione e correzione ATT ha indicato che il trattamento era associato a una OS migliore (HR: 0,42; P=0,0498) e a una DFS migliore (HR: 0,57; P=0,0116).
  • Limitando l’analisi ai regimi a base di oxaliplatino, il trattamento adiuvante era associato a una OS migliore (HR: 0,28; P=0,0267) e a una tendenza a una DFS migliore (HR: 0,63; P=0,1016).

Limiti

  • Analisi retrospettiva.
  • Non è stato eseguito alcun calcolo della potenza prima dello studio.