La brachiterapia focale LDR è fattibile nel tumore prostatico a rischio da basso a intermedio

  • Matsuoka Y & et al.
  • Urol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia focale mediante brachiterapia a basso dosaggio (low-dose-rate, LDR) offre esiti favorevoli in pazienti selezionati affetti da tumore prostatico a rischio da basso a intermedio.
  • Un nadir dell’antigene prostatico specifico (prostate-specific antigen, PSA) precoce può essere predittivo di uno scarso controllo oncologico dopo la brachiterapia focale.

Perché è importante

  • La brachiterapia focale è un’opzione che consente la preservazione d’organo in questi pazienti.

Disegno dello studio

  • Uno studio prospettico di 51 pazienti affetti da tumore prostatico a rischio da basso a intermedio sottoposti a brachiterapia focale LDR e 51 pazienti appaiati in base all’indice di propensione sottoposti a prostatectomia radicale (radical prostatectomy, RP).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 5,7 anni.
  • I tassi di fallimento biochimico, trattamento aggiuntivo e trattamento di salvataggio sono risultati rispettivamente del 24%, 20% e 8% con la brachiterapia focale.
    • Il 60% dei pazienti per i quali è stato necessario trattamento aggiuntivo è stato gestito mediante la sola ripetizione della brachiterapia focale.
  • I tassi di sopravvivenza libera da trattamento di salvataggio e di sopravvivenza libera da trattamento aggiuntivo a 5 anni sono risultati rispettivamente del 94% dopo RP rispetto a 93% (P=0,813) e 87% (P=0,049) dopo brachiterapia focale.
  • Il nadir del PSA ha evidenziato un’associazione inversa con il fallimento biochimico (HR=0,84; P<0,001).
  • Dopo 2 anni, nel gruppo sottoposto a brachiterapia focale, rispetto al gruppo sottoposto a RP:
    • i tassi di continenza senza pannolino sono risultati del 100% rispetto all’81% (P=0,001);
    • l’eiaculazione è stata preservata in 28 pazienti rispetto a 0.

Limiti

  • Campione non randomizzato, di piccole dimensioni.