L’uso di bloccanti del canale del calcio non è correlato al rischio di sviluppare tumore mammario

  • Rotshild V & al.
  • Cancers (Basel)

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un ampio studio caso-controllo annidato, di popolazione non riscontra alcun eccesso di rischio di tumore mammario per chi usa bloccanti del canale del calcio (calcium channel blocker, CCB) per l’ipertensione rispetto a chi usa altri farmaci antipertensivi.

Perché è importante

  • Diversi studi precedenti, compresa una metanalisi, hanno implicato i CCB nel rischio di sviluppare tumore mammario, mentre altri no.
  • Questo studio rassicura in merito all’assenza di un eccesso di rischio.

Disegno dello studio

  • 4.875 pazienti affette da un tumore mammario di nuova diagnosi, provenienti da un’ampia coorte di popolazione di 53.625 donne israeliane alle quali sono stati prescritti farmaci per l’ipertensione di un ampio database nel mondo reale, sono state confrontate con 48.750 partecipanti di controllo senza tumore mammario (periodo 2000–2016).
  • L’uso di CCB rispetto a farmaci diversi dai CCB in pazienti e partecipanti di controllo è stato valutato in base alle cartelle cliniche.
  • Finanziamento: nessun finanziamento esterno.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 5,15 anni.
  • L’esposizione a CCB non è risultata associata a un eccesso di rischio di tumore mammario rispetto alla mancata esposizione a CCB (OR=0,978; IC 95%, 0,918–1,043).
    • Anche l’esposizione a lungo termine a CCB (>8 anni) non è risultata associata a un eccesso di rischio di tumore mammario (OR=0,914; IC 95%, 0,689–1,210).
    • Anche dosi cumulative più elevate di CCB (calcolate come dose definita giornaliera per 1.000) non sono risultate associate a un eccesso di rischio di tumore mammario (OR=0,997; IC 95%, 0,962–1,034).

Limiti

  • Mancanza di informazioni su sottotipo, stadio o grado del tumore mammario.
  • È stato osservato un tasso maggiore di fumatrici tra i casi rispetto ai controlli, anche se l’analisi è stata corretta per lo stato di fumatrice.