L’ossigeno somministrato in ambulatorio aiuta i pazienti con fibrosi polmonare idiopatica


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Rispetto all’assenza di trattamento, la somministrazione ambulatoriale di ossigeno migliora la qualità di vita legata alla salute (HRQOL) in pazienti con ipossia da sforzo isolata per fibrosi polmonare.
  • Servono ulteriori studi per confermare questi risultati che rappresentano la prima valutazione prospettica dell’effetto dell’ossigeno ambulatoriale in pazienti con fibrosi polmonare.
  • I risultati ottenuti rappresentano un importante punto fermo verso lo sviluppo di linee guida specifiche.

Descrizione dello studio

  • Lo studio prospettico, in aperto, randomizzato e controllato AmbOx è stato condotto in tre centri per la fibrosi polmonare del Regno Unito.
  • Sono stati considerati idonei all’arruolamento pazienti di età uguale o superiore a 18 anni, con interstiziopatia polmonare fibrotica e non ipossici a riposo, ma con cadute del livello di saturazione a valori uguali o inferiori a 88% al test di cammino a 6 minuti (6MWT) e con sintomi respiratori stabili auto-riferiti nelle 2 settimane precedenti.
  • I partecipanti sono stati assegnati in maniera casuale e in rapporto 1:1 a ricevere o non ricevere trattamento con ossigeno per 2 settimane, seguite da crossover per altre 2 settimane.
  • L’esito primario, valutato per intention to treat, era il cambiamento nel punteggio totale nel questionario King’s Brief Interstitial Lung Disease (K-BILD) dopo 2 settimane di terapia con ossigeno rispetto alle 2 settimane senza trattamento.
  • Fonte di finanziamento: UK National Institute for Health Research.

Risultati principali

  • Nello studio sono stati coinvolti 84 pazienti: 41 assegnati a ricevere ossigeno ambulatoriale e 43 a non riceverlo come primo trattamento.
  • In totale, 76 partecipanti hanno completato lo studio.
  • Rispetto alla mancata somministrazione, la somministrazione di ossigeno ambulatoriale è risultata associata a miglioramenti significativi nei punteggi totali K-BILD (media 55,5 con ossigeno vs 51,8 senza ossigeno; differenza media aggiustata per ordine di trattamento 3,7 [P
  • L’effetto nel sottodominio psicologico non è risultato significativo (2,4; P=0,12).
  • Gli eventi avversi più comuni sono state le infezioni del tratto respiratorio superiore (3 nel gruppo trattato con ossigeno e 1 nel gruppo non trattato).
  • Si sono verificati 5 eventi avversi gravi, inclusi due decessi (uno in ciascun gruppo), ma nessuno di questi è stato considerato legato al trattamento.

Limiti dello studio

  • Non è stato incluso nello studio un gruppo placebo.
  • La breve durata dello studio non ha permesso di valutare eventuali danni della supplementazione di ossigeno in termini di stress ossidativo a livello polmonare.

Perché è importante

  • La fibrosi polmonare si associa a una riduzione della qualità di vita legata alla salute e della sopravvivenza.
  • Con il peggioramento della fibrosi, le difficoltà respiratorie si presentano sempre più frequentemente anche in seguito a semplici attività della vita quotidiana.
  • Sono disponibili pochi dati sull’effetto della somministrazione ambulatoriale di ossigeno sul miglioramento della qualità della vita in questi pazienti.