L’OMS propone una lista di test diagnostici essenziali che ogni medico dovrebbe avere in ambulatorio


  • Daniela Ovadia — Agenzia Zoe
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato, per la prima volta, una lista di test essenziali per la diagnosi delle patologie più comuni nell’ambito della medicina generale e per un certo numero di patologie che costituiscono una priorità a livello globale.

La Essential Diagnostic List (Lista diagnostica essenziale) elenca 113 test in vitro, 58 dei quali sono test di laboratorio utilizzati di routine per la diagnosi e il monitoraggio di condizioni comuni come il diabete, le malattie cardiovascolari e l’anemia. La lista costituisce un pacchetto essenziale che è la base per lo screening e il trattamento dei pazienti. Altri 55 test sono dedicati alla diagnosi e al monitoraggio di patologie come l’epatite B e C, l’HIV, l’HPV, la malaria, la sifilide e la tubercolosi.

Per ogni categoria di test, il documento specifica il tipo di tecnica da usare e lo scopo, l’appropriatezza del test in medicina generale o il suo utilizzo esclusivo presso struttura dotata di laboratorio.

Lo scopo è di fornire una lista utile a tutti i Paesi, non soltanto a quelli in via di sviluppo, e uno strumento per dotare la medicina generale dei test più comuni che non necessitano di un laboratorio attrezzato. I sistemi sanitari possono fare riferimento a questa lista nell’organizzazione del lavoro e nella formazione degli operatori.

L’elenco è frutto di un ampio lavoro di consultazione e collaborazione internazionale ed è stata rivista dal Gruppo di consulenti strategici per la diagnostica in vitro dell’OMS. Il documento è stata progettato sulla falsariga della lista dei farmaci essenziali, pubblicata per la prima volta nel 1977 e regolarmente aggiornata ogni due anni. Anche questo strumento verrà periodicamente rivisitato e ampliato, per seguire i bisogni di salute e le innovazioni tecnologiche.

Queste le raccomandazioni incluse nel documento:

·      nelle future edizioni del documento andranno inclusi anche i test per la resistenza agli antibiotici, per le malattie tropicali neglette, per le malattie non trasmissibili, per le epidemie e le sepsi;

·      la lista deve essere adattata ai bisogni locali e i criteri di selezione devono essere esplicitati;

·      la lista da sola non può supplire alle carenze organizzative dei sistemi assistenziali e al mancato sviluppo di una adeguata rete di ambulatori di cure primarie dotati di test diagnostici di comune utilizzo, così come di una rete di laboratori attrezzati per i test più complessi;

·      un costante lavoro di revisione della letteratura scientifica e della qualità e attendibilità dei test proposti è il prerequisito necessario all’ampliamento della lista stessa.

Questi i test ematici che dovrebbero essere disponibili presso tutti gli studi di medicina generale:

·      emoglobina

·      conta leucocitaria

·      emocromocitometrico

·      albumina

·      bilirubina

·      glucosio

·      emoglobina glicata

·      lattato

·      gruppo sanguigno

·      gonadotropina corionica

·      HBsAg

·      HBeAg

·      anti HCV

·      anti HIV

·      anti HIV/p24Ag

·      antigeni del plasmodio malarico

·      plasmodio (microscopia)

·      Mycobacterium tuberculosis

·      TBC skin test

·      anticorpi da Treponema pallidum

·      anticorpi da Treponema pallidum combinati con anti HIV

Questi i test sulle urine che dovrebbero essere disponibili presso gli studi di medicina generale:

·      esame delle urine con stick

·      microscopia delle urine.