L’iperparatiroidismo primitivo e la terapia farmacologica


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIE Societa' Italiana Endocrinologia

L’iperparatiroidismo primitivo e la terapia farmacologica

Rosa di Fraia, Vanda Amoresano Paglionico e Daniela Pasquali

Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche, Neurologiche, Metaboliche e dell’Invecchiamento Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Napoli daniela.pasquali@unicampania.it


L’iperparatiroidismo Primitivo (PHPT) è una malattia endocrina caratterizzata da iperproduzione autonoma di PTH, ipercalcemia, ipofosforemia che nel 20% dei casi si presenta con normocalcemia. In Italia, la malattia interessa l’1% della popolazione adulta, rispetto allo 0,2-0,5% tradizionalmente riportato in letteratura. L’PHPT è sostenuto nell’80% da un adenoma singolo, nel 15% da iperplasia diffusa e nel 1% da carcinoma paratiroideo. La malattia può presentarsi in forma sporadica e nel 2-3% dei casi in forma familiare nell’ambito delle MEN1, MEN2A e nella FHH (Familial Hypocalciuric Hypercalcemia), nelle quali l’età media di comparsa è significativamente inferiore rispetto a quella delle forme sporadiche.
Circa l’80% dei pazienti sono asintomatici e segni e sintomi, quando presenti, sono: astenia, debolezza, depressione, stipsi, affaticamento neuromuscolare, nefrolitiasi e disturbi psichiatrici.
La diagnosi di PHPT, sospettata su base clinica, è confermata da indagini di laboratorio che mostrano PHT elevato, ipercalcemia, e ipofosforemia. La calciuria delle 24h è fondamentale perché il suo incremento rappresenta un’indicazione chirurgica, La presenza di un rapporto clearance calcio/clearance creatinina Gli studi di localizzazione includono l’ecografia del collo e la scintigrafia con sestaMIBI e la PET-TAC. La mancata localizzazione non esclude la diagnosi di PHPT e l’indicazione chirurgica. Le linee guida del 4° Workshop Internazionale raccomandano l’intervento: per i pazienti con calcemia 1.0 mg/dL al di sopra della norma; l’età 400mg/die. - Continua a leggere scaricando il documento completo in formato PDF