L’immunoterapia è meno efficace nell’NSCLC con metastasi ossee

  • Landi L & al.
  • J Immunother Cancer
  • 21/11/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’immunoterapia con inibitori del checkpoint immunitario (immune checkpoint inhibitor, ICI) risulta meno efficace nei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) e metastasi ossee rispetto a quelli senza metastasi ossee, indipendentemente dall’istologia del tumore.

Perché è importante

  • Fino al 30% dei pazienti con NSCLC presenta metastasi ossee alla diagnosi di NSCLC e un altro 35%-40% sviluppa le lesioni dopo la diagnosi.

Disegno dello studio

  • È stata valutata l’efficacia di nivolumab in base alle metastasi ossee di pazienti con NSCLC non squamoso (n=1.588) e NSCLC squamoso (n=371) pretrattati nel Programma di accesso allargato italiano.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il 39% dei pazienti con istologia non squamosa e il 32% dei pazienti con istologia squamosa presentavano metastasi ossee.
  • I pazienti con istologia non squamosa con metastasi ossee presentavano un tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) significativamente inferiore (12% vs. 23%; P
  • Anche i pazienti con istologia squamosa e con metastasi ossee presentavano un ORR significativamente inferiore (13% vs. 22%; P=0,04) e PFS (2,7 vs. 5,2 mesi; P
  • Secondo l’analisi multivariabile le metastasi ossee erano associate a una mortalità maggiore (HR tumori non squamosi: 1,50 [P

Limiti

  • Studio retrospettivo.