L’ESMO aggiorna le linee guida per il tumore vescicale

  • European Society for Medical Oncology
  • 22/08/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’European Society for Medical Oncology (ESMO) ha pubblicato un aggiornamento delle proprie linee guida del 2014 sul trattamento del tumore vescicale.
  • L’aggiornamento si concentra sul ruolo degli inibitori del checkpoint immunitario e della terapia mirata per la gestione della malattia in stadio avanzato e metastatica.

Principali aggiornamenti

  • Inibizione del checkpoint immunitario nella malattia refrattaria al platino:
    • è raccomandato pembrolizumab sulla base del miglioramento della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) osservato nello studio KEYNOTE-045 (livello di evidenza: I, grado della raccomandazione: A);
    • atezolizumab ha evidenziato segnali positivi in termini di OS coerenti in una popolazione “intent-to-treat” nello studio IMvigor211 e nello studio nella pratica clinica SAUL (II, B);
    • si può valutare nivolumab, sulla base del beneficio in termini di OS osservato nello studio CHECKMATE 275 (III, B);
    • anche avelumab e durvalumab possono essere presi in considerazione (III C; non approvati dall’Agenzia europea per i medicinali al 22 agosto 2019).
  • Tumori uroteliali metastatici positiva per il biomarcatore ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death ligand 1, PD-L1) non idonei alla terapia di prima linea con cisplatino:
    • si possono valutare pembrolizumab o atezolizumab come trattamento di prima linea dei pazienti con malattia PD-L1-positiva (III, B).
  • Erdafitinib ed enfortumab vedotin nei tumori uroteliali refrattari al platino:
    • si può valutare erdafitinib nei pazienti pretrattati con alterazioni di FGFR2/3 (III, B);
    • si può valutare enfortumab vedotin nei pazienti refrattari alla chemioterapia a base di platino e alla terapia anti-proteina di morte cellulare programmata 1/anti-PD-L1 (III, B).