L’effetto glicemico degli interventi di chirurgia bariatrica


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Pur portando gli stessi benefici sulla funzione delle cellule β, a 1 anno dalla procedura chirurgica il bypass gastrico è risultato più efficace nella remissione del diabete di tipo 2 rispetto alla gastrectomia a manica .
  • Sulla base di questi risultati si potrebbe pensare di modificare le linee guida e la pratica clinica, con miglioramento della salute del paziente e riduzione dei costi associati.

Descrizione dello studio

  • Nello studio randomizzato, in triplo cieco e a singolo centro (Vestfold Hospital Trust, Tønsberg, Norvegia), sono stati coinvolti 109 pazienti adulti con diabete di tipo 2 e obesità.
  • I partecipanti sono stati sottoposti a bypass gastrico (n=54) o gastrectomia a manica (n=55) (Studio Oseberg).
  • I pazienti, il personale dello studio e i valutatori degli esiti non erano a conoscenza del trattamento assegnato ai pazienti.
  • L’esito clinico primario era la proporzione di partecipanti con remissione completa del diabete di tipo 2 (HbA1c ≤6,0% senza uso di farmaci ipoglicemizzanti) a 1 anno dall’intervento.
  • L’esito fisiologico primario era il disposition index (una misura della funzione delle cellule β) a 1 anno dall’intervento, sulla base di valutazione con test di tolleranza al glucosio.
  • Gli esiti primari sono stati analizzati nelle popolazioni per intention-to-treat e per protocollo.
  • Fonte di finanziamento: Morbid Obesity Centre, Vestfold Hospital Trust.

Risultati principali

  • Il 98% dei pazienti ha completato il follow-up a 1 anno (popolazione per protocollo).
  • Nella popolazione per intention-to-treat, il tasso di remissione del diabete è risultato più alto con il bypass gastrico che con la gastrectomia a manica (differenza di rischio 27%; rischio relativo [RR] 1,57; P=0,0054).
  • Nella popolazione per protocollo sono stati ottenuti risultati simili.
  • Nella popolazione per intention-to-treat, il disposition index è aumentato in entrambi i gruppi (differenza tra i gruppi 55; p=0,52).
  • Nella popolazione per-protocollo sono stati ottenuti risultati simili (differenza tra i gruppi 21; p=0,86).
  • Dieci pazienti nel gruppo bypass gastrico sono andati incontro a complicazioni precoci e 17 a effetti avversi tardivi.
  • I numeri corrispondenti nel gruppo gastrectomia a manica sono stati, rispettivamente, 8 e 22.

Limiti dello studio

  • Il disegno a singolo centro e la popolazione dello studio limitano la generalizzabilità dei risultati.
  • Per mantenere il triplo cieco, i chirurghi hanno effettuato la stessa incisione per i due interventi.

Perché è importante

  • In pazienti obesi con diabete di tipo 2, la perdita di peso può portare a miglioramento della funzione delle cellule β e a remissione del diabete.
  • Mancano dati comparativi diretti sull’impatto glicemico dei diversi tipi di intervento bariatrico.