L’artrite reumatoide raddoppia il rischio di dover ricorrere a un'artroplastica


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggio chiave

  • Il rischio a vita di sostituzione del ginocchio e dell’anca per i soggetti con diagnosi di artrite reumatoide (AR) è all’incirca doppio rispetto a quello della popolazione generale.

 

Descrizione dello studio

  • Sono stati analizzati i dati raccolti dal Sistema Sanitario Nazionale inglese (periodo 1997-2014).
  • Sono stati identificati 13.961 pazienti con diagnosi di AR.
  • Dai registri ospedalieri si è risaliti agli interventi di sostituzione del ginocchio e dell’anca.
  • Sono stati costruiti modelli di sopravvivenza parametrica; le variabili incluse nel modello erano età, sesso, comorbilità, status socioeconomico, indice di massa corporea (BMI) e status relativo al fumo.
  • I modelli di sopravvivenza sono stati combinati ed estrapolati per stimare il rischio a vita di sostituzione del ginocchio e dell’anca.
  • Fonte di finanziamento: National Institute for Health Research.

 

Risultati principali

  • Per un paziente il cui profilo corrisponde ai parametri medi della coorte (donna non fumatrice di 64 anni, senza comorbilità, con un BMI di 27 e nel quintile più alto dello status socioeconomico), il rischio a vita di sostituzione del ginocchio e dell’anca è stimato, rispettivamente, in 22% (IC95% 16%-29%) e 17% (11%-26%).
  • Il rischio è più alto per i pazienti più giovani, mentre non ci sono differenze per sesso, status relativo al fumo e status socioeconomico.
  • La presenza di comorbilità e un più alto BMI alla baseline sembrano aumentare il rischio.

 

Limiti dello studio

  • Il rischio potrebbe essere stato sottostimato per assenza di dati sugli interventi di artroplastica non effettuati tramite servizio sanitario.
  • Mancano dati sulla gravità della malattia alla diagnosi e sui trattamenti.

 

Perché è importante

  • Il rischio di sostituzione del ginocchio e dell’anca nei pazienti con una diagnosi di AR non era noto.
  • Per un uomo cinquantenne inglese il rischio a vita di sostituzione del ginocchio è 8% e quello di sostituzione dell’anca è 7%; per una donna il rischio è, rispettivamente, 11% e 12%
  • Sapere che 1 paziente su 5 andrà incontro a sostituzione dell’anca e 1 su 5 a sostituzione del ginocchio è utile nella valutazione della prognosi e dell’utilizzo delle risorse sanitarie a lungo termine.