L'appello, sostegno economico a parenti sanitari deceduti nella lotta al coronavirus


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 5 mag. (Adnkronos Salute) - "Il Parlamento discuta e approvi al più presto una legge per i congiunti dei sanitari caduti nella lotta al coronavirus, prevedendo un indennizzo di almeno 250mila euro a nucleo familiare. L'appello, disponibile online (iorestoinsiemeallefamiglie.it), è stato già sottoscritto da oltre 200 persone". E' la richiesta alla base dell'iniziativa #iorestoinsiemeallefamiglie, promossa dall'Osservatorio Studi presieduto da Tobia Zevi.

"Dall'inizio dell'emergenza sanitaria, quasi 200 tra medici, infermieri e professionisti del settore sanitario sono morti durante l'adempimento del proprio dovere - afferma Zevi - Donne e uomini che hanno donato le proprie vite mettendole al servizio delle nostre, dell'intera collettività, costretti a lavorare quotidianamente su turni massacranti, spesso senza protezioni adeguate, per salvare più vite possibili. Le famiglie di questi eroi non devono essere lasciate sole né essere dimenticate".

"Crediamo che tale richiesta sia moralmente, socialmente, culturalmente giusta e siamo certi che moltissimi italiani vorranno unirsi a noi firmando l'appello. Confidiamo nella sensibilità di molti deputati e senatori e sono certo che la proposta verrà trattata in tempi rapidi nelle commissioni competenti. Una volta incardinata la proposta di legge, chiederemo al Parlamento, con una serie di emendamenti, di includere tutte le categorie di lavoratori caduti sul campo durante l’emergenza Coronavirus", conclude Zevi.