L’angiografia coronarica può indurre tireotossicosi nei pazienti con cardiopatia ischemica

L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano Registrati per accedere ai contenuti

Messaggi chiave

  • La percentuale di pazienti ipertiroidei è passata dal 7,2 al 10% dopo angiografia coronarica con mezzo di contrasto iodato (MCI).
  • La presenza di noduli tiroidei è risultata il più importante fattore predittivo di tireotossicosi.
  • A distanza di 1-3 mesi dalla somministraz...