L’aggiunta di bevacizumab a niraparib prolunga la PFS nel tumore ovarico recidivante

  • Lancet Oncol

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di bevacizumab a niraparib prolunga la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) delle pazienti con tumore ovarico recidivante platino-sensibile di alto grado, indipendentemente dallo stato per il deficit di ricombinazione omologa (homologous recombination deficiency, HRD) o dall’intervallo senza chemioterapia (chemotherapy-free interval, CFI).

Perché è importante

  • L’uso di chemioterapia standard a base di platino è limitato dalla tossicità cumulativa.
  • Una sperimentazione di fase 3 programmata confronterà niraparib + bevacizumab con il trattamento standard.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2, multinazionale AVANOVA2/ENGOT-ov24 su 97 pazienti con tumore ovarico recidivante platino-sensibile di alto grado assegnate casualmente a niraparib ± bevacizumab.
  • Endpoint primario: PFS nella popolazione “intention-to-treat”; aHR superiorità=0,57 dopo eventi in 62 pazienti.
  • Finanziamento: Nordic Society of Gynaecological Oncology; Tesaro.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 16,9 mesi.
  • Niraparib + bevacizumab hanno migliorato significativamente la PFS mediana rispetto a niraparib in monoterapia:
    • nella popolazione “intent-to-treat” (11,9 vs. 5,5 mesi; aHR, 0,35; P
    • nelle pazienti HRD-positive (HR, 0,38; IC 95%, 0,20–0,72) e HRD-negative (HR, 0,40; IC 95%, 0,19–0,85);
    • nelle pazienti con CFI di 6–12 mesi (HR, 0,29; IC 95%, 0,14–0,62) e ≥12 mesi (HR, 0,42; IC 95%, 0,22–0,80).
  • Il tasso di eventi avversi di grado ≥3 era del 65% con niraparib + bevacizumab e del 45% con niraparib in monoterapia; quelli più comuni erano anemia e trombocitopenia.
  • Proteinuria e ipertensione di qualsiasi grado sono state segnalate più frequentemente con niraparib + bevacizumab.
  • Non è stata osservata alcuna differenza tra i 2 gruppi in termini di qualità della vita.

Limiti

  • Disegno in aperto.