L’aggiunta di atezolizumab migliora la PFS nell’NSCLC squamoso in stadio IV

  • J Thorac Oncol

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di atezolizumab alla chemioterapia a base di platino come trattamento di prima linea per il tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) squamoso in stadio IV determina una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) significativamente migliore rispetto alla sola chemioterapia in una sperimentazione di fase 3.
  • Atezolizumab più carboplatino e nab-paclitaxel ottengono una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore nei pazienti con alta espressione del ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death ligand 1, PD-L1).

Perché è importante

  • Studi hanno indicato che atezolizumab è associato a una OS migliore rispetto alla chemioterapia a base di platino nei pazienti con alti livelli di PD-L1.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione clinica IMpower131 di fase 3, internazionale, in aperto.
  • 1.021 pazienti con NSCLC squamoso in stadio IV hanno ricevuto atezolizumab, carboplatino e paclitaxel (A+CP; n=338); atezolizumab, carboplatino e nab-paclitaxel (A+CnP; n=343); o carboplatino e nab-paclitaxel (CnP; n=340).
  • Analisi della sopravvivenza per A+CP rispetto a CnP solo in caso di migliore OS con A+CnP complessivamente.
  • Finanziamento: F. Hoffmann-La Roche/Genentech.

Risultati principali

  • PFS migliore con A+CnP rispetto a CnP:
    • 6,3 rispetto a 5,6 mesi (HR=0,71; P=0,0001).
  • PFS a 12 mesi:
    • 24,7% con A+CnP rispetto a 12,0% con CnP.
  • I pazienti con alti livelli di PD-L1 hanno ottenuto il beneficio massimo in termini di PFS con A+CnP rispetto a CnP:
    • 10,1 rispetto a 5,5 mesi; HR=0,44; IC 95%, 0,27-0,71).
  • Nessuna differenza significativa nell’OS tra gruppi trattati con A+CnP e con CnP, eccetto nel sottogruppo con alti livelli di PD-L1:
    • 23,4 rispetto a 10,2 mesi (HR=0,48; IC 95%, 0,29-0,81),
  • Non sono stati segnalati nuovi problemi di sicurezza.

Limiti

  • Mancanza di dati su PFS e OS per A+CP rispetto a CnP.