Istat, 1.344 ospedali Ssn ma emergenze gravi non coperte in 50% Asl


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 mag. (AdnKronos Salute) - Gli ospedali pubblici sono diffusi sul territorio italiano, ma i dipartimenti di emergenza di secondo livello sono garantiti solo dalla metà delle Asl. In Italia - indicano i dati, al 2015, del Rapporto Istat- operano 1.344 strutture ospedaliere del Ssn, per un totale di 217 mila posti letto, per l'83,9% destinati alla cura di patologie acute, per circa il 12% alla riabilitazione, e il rimanente alla lungodegenza.

Secondo la fotografia scattata dall'Istituto statistico l'80% delle Asl garantisce l'offerta di Dipartimenti di emergenza di primo livello, circa il 50% quella di secondo livello. Ampie zone del Paese, in particolare nelle Isole, nel Lazio, in Abruzzo e in alcune parti del Nord-Est, non sono in grado quindi di fronteggiare emergenze di particolare gravità, se non attraverso trasporti speciali.