Iss, disturbi neurosviluppo bimbi ora monitorati dal pediatra


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 lug. (Adnkronos Salute) - Nei controlli pediatrici di routine entrerà anche il monitoraggio dei disturbi del neurosviluppo. Un nuovo strumento sarà infatti a disposizione dei pediatri di famiglia per la sorveglianza neuro -evolutiva dei bambini. Si tratta di schede condivise dall’Istituto superiore di Sanità, dalla Federazione italiana medici pediatri (Fimp), dall’Associazione culturale pediatri (Acp), dal Sindacato medici pediatri di famiglia (Simpef), dalla Società italiana di pediatria (Sip), dalla Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e dalla Società italiana di neonatologia (Sin).

Le schede di osservazione e promozione del neurosviluppo - spiega una nota dell'Iss - sono nate dal Progetto Salute-Infanzia, all'interno dei 'Bilanci di salute', cioè dei controlli di routine previsti dal Servizio sanitario nazionale realizzati dal pediatra di famiglia a determinate tappe di età definite con singole Regioni. Queste schede "privilegiano l’osservazione longitudinale del bambino ed includono i comportamenti essenziali da valutare ad ogni bilancio di salute per una efficace sorveglianza neuroevolutiva". Inoltre "vengono anche indicate le strategie più appropriate per valorizzare opportunità ed esperienze della vita quotidiana del bambino, per lui utili e interessanti in quella specifica la fase di sviluppo".

La sorveglianza attiva dello sviluppo da parte dei pediatri di famiglia e il loro coordinamento con le unità specialistiche di neuropsichiatria infantile "è elemento essenziale per favorire un riconoscimento precoce dei disturbi del neurosviluppo", spiega la nota.

Le schede sono state sviluppate per essere applicabili nei 'Bilanci di Salute realizzati dai Pediatri di Famiglia in tutto il territorio nazionale - dice Maria Luisa Scattoni, coordinatrice dell’Osservatorio nazionale autismo e responsabile scientifico del progetto – tenendo conto delle differenze organizzative. L’obiettivo del progetto, promosso e finanziato dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute, è stato quello di produrre uno strumento che facilitasse l’attività del pediatra di famiglia selezionando i comportamenti essenziali da sorvegliare nel tempo per monitorare la traiettoria di sviluppo del bambino ed inviarlo tempestivamente a visita specialistica se necessario".

Per l’utilizzo delle schede, spiega la nota, "è raccomandata una formazione specifica che l’Iss ha predisposto gratuitamente in accordo agli standard metodologici del servizio di 'Formazione dell’Iss'. I professionisti accederanno a tutorial specifici per un utilizzo appropriato delle schede, che faciliteranno l’individuazione dei comportamenti tipici e atipici e delle specifiche strategie di promozione dello sviluppo per ciascun dominio e comportamento indagato. I materiali sono stati predisposti per adattarsi ai tempi e alle esigenze del contesto della visita del pediatra ed includono link a materiale multimediale utile per acquisire in modo semplificato modalità di osservazioni coerenti a standard di elevata qualità".