Iss, al via il nuovo Comitato etico nazionale per la ricerca

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 mar. (Adnkronos Salute)() - Si è insediato oggi all'Istituto superiore di sanità il Comitato etico nazionale per le sperimentazioni degli enti pubblici di ricerca (Epr) e altri enti pubblici a carattere nazionale, istituito dal ministro della Salute con decreto 1 febbraio 2022. Il Comitato, spiega l'Iss in una nota, ha competenza per le sperimentazioni cliniche, nonché "ogni altra competenza sin qui svolta dai comitati etici già esistenti". Il nuovo organo sostituisce infatti il Comitato etico dell'Iss finora in carica mantenendone tutte le funzioni, a cui si aggiungono nuove competenze per tutti gli enti di ricerca e gli enti pubblici a carattere nazionale.

Presidente del Comitato è stato eletto Carlo Petrini, direttore dell'Unità di Bioetica e presidente del Centro di coordinamento nazionale dei comitati etici, mentre il vicepresidente è Guido Carpani, direttore generale della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani.

L'istituzione del Comitato, evidenzia l'Iss, si colloca nell'ambito di un'ampia revisione dell'organizzazione dei comitati etici e dell'assetto regolatorio della sperimentazione clinica. Con decreto 2 marzo 2022, il ministro della Salute ha nominato i componenti del Comitato etico nazionale. Sono Aurelio Filippini, coordinatore area formazione continua sviluppo e ricerca Dapss, Asst Sette Laghi azienda ospedale di Circolo e Fondazione Macchi; Rosaria lardino, rappresentante dei pazienti, presidente della Fondazione The Bridge; Raffaele Landolfi, medico internista ed ematologo, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma; Giovanni Maga, esperto in biologia molecolare, Consiglio nazionale delle ricerche; Andrea Manto, esperto in bioetica, Istituto superiore scienze religiose 'Ecclesia Mater' di Roma; Roberta Marcoaldi, esperta di dispositivi medici, organismo notificato 0373 dell'Istituto superiore di sanità; Francesca Menniti Ippolito, esperta di statistica, Centro ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci, Iss; Luisa Minghetti, esperta in ricerca preclinica e traslazionale, Iss; Patrizia Popoli, farmacologa, Centro di ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci, Iss; Antonia Ricci, direttore generale dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie; Roberto Rossetti, direttore sanitario del Policlinico militare di Roma; Arrigo Schieppati, nefrologo, consulente presso il Dipartimento Malattie rare dell'Istituto Mario Negri; Marco Silano, direttore dell'Unità operativa di alimentazione, nutrizione e salute del Dipartimento Sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica, Iss.