Ire, Mister T e Miss Epi nel video animato sull'epilessia tumorale


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 13 mar. (AdnKronos Salute) - Due 'intrusi': Mister T, il tumore cerebrale, e Miss Epi, l'epilessia, sono fra i protagonisti del video di animazione 'Vivere senza confini' su patologie come l'epilessia tumorale, molto frequenti nei pazienti con tumori cerebrali. Il video è stato presentato dall'Istituto nazionale tumori Regina Elena (Ire) di Roma, in occasione della 5°edizione dell'#HappyNeuroHour .

Il video è stato realizzato con la supervisione scientifica di Marta Maschio, responsabile del Centro per l'epilessia tumorale Ire, ideato e realizzato da Luigi Irione e Valerio Bianconi, prodotto nell'ambito di un più ampio progetto di informazione/educazione finanziato dall'Associazione Matteo Blasi-Blaze, da anni a fianco del centro, tramite l'8x1000 della Chiesa Valdese. Il video illustra come in un tumore, e spesso in un tumore raro come quello cerebrale, si aggiunga l'epilessia. Due patologie complesse che richiedono una squadra di amici: medici, psicologi, fisioterapisti, familiari, per essere vissute con coraggio e senza confini.

I tumori cerebrali sono tumori rari e colpiscono 19 persone su 100.000 ogni anno. L'epilessia può comparire nei tumori cerebrali dal 35 al 70% dei casi. Il video spiega che le terapie devono lavorare in sinergia per essere efficaci e sicure e che, grazie ai centri specializzati e multidisciplinari, il paziente e i suoi familiari avranno sempre un riferimento e potranno affrontare con più consapevolezza e serenità il proprio 'viaggio'. "Per vincere la guerra alle patologie rare abbiamo due armi - evidenzia Gennaro Ciliberto, direttore scientifico Ire - la ricerca clinico-scientifica e l'informazione. I pazienti devono essere indirizzati in centri specialistici e multidisciplinari per i migliori percorsi di cura e una migliore qualità della vita".