Irccs Santa Lucia, per Rita Formisano incarico all'Ean

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 14 feb. (AdnKronos Salute) - Rita Formisano, responsabile dell'Unità post-coma della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, è la nuova 'co-chair' del 'Coma and Disorders of Consciousness Panel' che opera in seno dall'European Academy of Neurology (Ean). Istituzione che raggruppa 47 società scientifiche nazionali e rappresenta oltre 45 mila neurologi, "con l'obiettivo di promuovere lo scambio di conoscenze e la consapevolezza sul coma e i disturbi della coscienza - sottolinea una nota della Fondazione Santa Lucia - in stretta collaborazione con altri panel di specialisti a livello europeo afferenti all’ambito della neurologia". Formisano raccoglie il testimone da Steven Laureys, riconosciuto come leader mondiale nel campo della neurologia della coscienza.

"Una candidatura sostenuta dalla Società italiana di neurologia (Sin) per l'intensa attività ospedaliera e scientifica sul tema (161 pubblicazioni) e accolta dalla Formisano con entusiasmo e impegno", evidenzia la Fondazione, per "proseguire nel confronto serrato tra diversi gruppi di specialisti e ricercatori del campo a livello europeo - afferma la neurologa - sui percorsi diagnostici e prognostici della fase acuta e post-acuta di neuroriabilitazione di alta specialità".

Proprio quella in cui si interviene alla Fondazione Santa Lucia "dove, direttamente provenienti dalle Terapie intensive, dalle unità di Neurochirurgia e dai reparti per acuti - spiega Formisano - accogliamo pazienti con necessità assistenziali particolarmente complesse, che oltre ad avere disordini della coscienza possono essere tracheostomizzati, essere alimentati attraverso un sondino naso-gastrico o la Peg, una sonda che attraversa la parete dello stomaco per la nutrizione enterale, perché impossibilitati a nutrirsi per bocca".