Intensive Italia stabili al 16%, lieve aumento in 5 regioni/pa

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 31 gen. (Adnkronos Salute) - L'occupazione dei posti letto di terapia intensiva, a livello nazionale, da parte di pazienti Covid nei reparti di rianimazione è da 2 giorni ferma al 16%, mentre nelle 24 ore - secondo gli ultimi dati dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali (Agenas), aggiornati alle 22.37 di ieri sera - aumenta in 5 regioni/province autonome e scende in altrettante 5.

In aumento di 1 punto percentuale nelle 24 ore ci sono Emilia Romagna (che sale così al 17%), Friuli Venezia Giulia (25%), provincia autonoma di Trento (al 28%) e Piemonte (20%), mentre l'Umbria registra un aumento di 4 punti percentuali (salendo così al 13%). In discesa, sempre di 1 punto percentuale, Basilicata (che si attesta al 5%), Calabria (15%), Liguria (16%), Marche (23) e provincia autonoma di Bolzano (10%). Tutte le altre regioni/pa restano stabili.

Al momento l'occupazione più alta si registra nella provincia autonoma di Trento al 28%, la più bassa in Basilicata al 5%.