Inibitori di pompa protonica e cancro gastrico - il punto


  • Daniela Ovadia — Agenzia Zoe
  • Notizie Mediche Univadis
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Recenti studi epidemiologici hanno riportato un'associazione significativa tra l'assunzione di IPP a lungo termine e il rischio di cancro gastrico, anche dopo l’eradicazione di Helicobacter pylori. Tuttavia, gli effetti dei IPP sullo sviluppo di condizioni pre-maligne come la gastrite atrofica o la metaplasia intestinale non sono completamente noti, suggerendo la necessità di studi completi e confermativi in ​​futuro. Nel frattempo, diversi studi sperimentali hanno dimostrato gli effetti degli IPP nel ridurre la chemioresistenza nelle cellule di cancro gastrico modulando il microambiente in acuto, la concentrazione extracellulare di cationi (che ha un effetto diretto sull’efficacia) e la proteina STAT3 (trasduttore del segnale e l'attivazione della via di trascrizione 3). Gli effetti inibitori degli IPP sull'attività del gene STAT3 possono superare la resistenza ai farmaci e migliorare l'efficacia degli agenti chemioterapici convenzionali o mirati. Nel loro insieme, gli IPP possono giocare un duplice ruolo, sia positivo sia negativo, nella carcinogenesi gastrica e nel trattamento del cancro gastrico (1).

 

Necessari ulteriori studi

Vista la profonda soppressione della produzione di acidi gastrici indotta dagli IPP, vi sono preoccupazioni su un possibile ruolo cancerogeno nel cancro gastrico, a causa di ipergastrinemia indotta, atrofia gastrica e proliferazione batterica nello stomaco. Mentre mancano studi clinici randomizzati per stabilire in modo univoco il nesso di causalità tra uso di IPP a lungo termine e cancro gastrico risultati degli studi osservazionali suggeriscono che gli IPP siano effettivamente associati a un aumentato rischio di cancro gastrico. Tuttavia, le opinioni sul nesso di causalità sono divergenti, perché esistono potenziali fattori confondenti non  misurati (o misurabili) nei vari studi (2). 

 

Anche dopo l'eradicazione di H. pylori , l'uso a lungo termine di IPP è associato a un rischio di cancro gastrico aumentato di oltre due volte. In conclusione, gli IPP a lungo termine dovrebbero essere usati con giudizio, dopo aver considerato il profilo di rischio individuale, specialmente tra soggetti con una storia d’infezione da H. pylori . Ulteriori studi prospettici ben disegnati sono necessari per confermare il potenziale ruolo degli IPP nel cancro gastrico a seconda dell'istologia gastrica di base e della sua interazione con altri agenti chemiopreventivi come l'aspirina, le statine e la metformina (3).