Influenza, Iss: cala fra bimbi, in under 5 incidenza più alta a 45,6 casi/mille

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

MIlano, 23 dic. (Adnkronos Salute) - Continuano ad essere i bambini i più bersagliati dall'influenza 2022-2023. Nella fascia d'età 0-4 anni l'incidenza delle sindromi simil-influenzali "è pari a 45,6 casi per mille assistiti", dato in calo (era 50,3 nella settimana precedente) ma di gran lunga superiore rispetto alla media nazionale della popolazione generale, che si attesta a quota 15 casi per mille, e più alto dell'incidenza registrata in tutte le altre fasce d'età. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto Influnet dell'Istituto superiore di sanità (Iss) relativo alla 50esima settimana dell'anno, quella compresa tra il 12 e il 18 dicembre.

L'incidenza più bassa resta quella che si rileva nella fascia d'età più avanzata, tra le persone di età pari o superiore a 65 anni: 6,77 casi per mille assistiti. Nella fascia di età 5-14 anni si registrano invece 22,77 casi per mille assistiti, in calo rispetto alla settimana scorsa, e nella fascia 15-64 anni 13,25/mille. L'andamento risulta dunque in discesa nelle fasce d'età pediatrica, evidenzia l'Iss, "mentre è stabile nei giovani adulti e negli anziani". "Il numero di sindromi simil-influenzali, in queste prime settimane di sorveglianza, è sostenuto oltre che dai virus influenzali anche da altri virus respiratori, tra i quali il virus respiratorio sinciziale nei bambini molto piccoli, e il Sars-CoV-2", precisano gli autori del report.