Infezioni delle vie urinarie concomitanti alle bronchioliti: meno frequenti del previsto


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In un lattante con bronchiolite, aggiungendo ai criteri per la diagnosi di infezione delle vie urinarie (IVU), oltre all’urinocoltura (UC), la positività dell’esame delle urine (AU) (piuria e/o nitriti), la prevalenza di IVU in questa condizione si riduce da oltre il 3% a meno dell’1%.
  • La positività dell’UC con negatività dell’AU è probabilmente da ricondurre a batteriuria asintomatica o contaminazione.  

Descrizione dello studio

  • Revisione della letteratura (Medline, Ovid EMBASE e articoli in bibliogafia) e metanalisi di studi che riportavano la prevalenza di IVU in brochiolite, stimata al 3,3% sulla base di precedenti metanalisi.
  • Obiettivo: verificare se includendo AU positiva (per piuria e/o nitriti) nei criteri di diagnosi delle IVU, ne cambiava la prevalenza in corso di bronchiolite.
  • Outcome: prevalenza di IVU.

Risultati principali

  • Revisione di 477 abstract e 30 full text di studi sulla bronchiolite, 18 dei quali riferivano prevalenza di IVU e 7 dati dell’AU.
  • Prevalenza di IVU in bronchiolite nei 18 studi con dati IVU= 3,1% (IC 95% 1,8-4,6%).
  • Prevalenza di IVU in bronchiolite nei 7 studi con dati AU= 0,8% (IC 95% 0,3-1,4%).
  • Le analisi di sensibilità hanno prodotto risultati simili, anche entro i 90 giorni di età.

Limiti

  • Definizioni eterogenee di IVU e AU potrebbero aver compromesso le stime di prevalenza.

Perché è importante

  • Sovrastimare la prevalenza di IVU nei lattanti con bronchiolite, di cui si registrano nel mondo 20-50 milioni di casi l’anno, comporta un potenzialmente importante uso inappropriato di antibiotici, imaging, ricoveri, e così via.