In Veneto si formano istruttori contro violenza verso operatori

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Venezia, 10 mar. (Adnkronos Salute) - "Il rischio di aggressione o di atti di violenza contro gli operatori sanitari non è un pericolo remoto, lo abbiamo visto soprattutto nel periodo pandemico. La sicurezza sul luogo di lavoro è un diritto di ogni dipendente. Purtroppo, e lo abbiamo tristemente visto durante il periodo di pandemia, accade che i professionisti della sanità vengano fatti oggetto di aggressioni verbali o ancor peggio fisiche. I numeri sono impressionanti e ci devono far riflettere su come è diventato indispensabile creare un percorso di 'messa in sicurezza' del nostro capitale umano". Lo sottolinea Manuela Lanzarin, assessore alla Sanità e Politiche sociali della Regione Veneto.

La Fondazione Scuola di sanità pubblica e la Uoc Rischio clinico dell'Azienda Zero hanno avviato la progettazione di un percorso che, partendo dalle linee di indirizzo diffuse dalla Regione, porterà entro il 2022 alla formazione di un pool di circa 90 istruttori, provenienti da tutte le aziende sanitarie del Veneto. Questi istruttori saranno poi chiamati a essere docenti nei corsi che saranno organizzati capillarmente all'interno delle singole realtà per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Veneto sono impegnati circa 70mila professionisti nelle diverse strutture del servizio sanitario pubblico, ai quali si affiancano molte altre migliaia di professionisti impiegati nelle strutture private accreditate e nelle diverse unità di offerta del servizio socio sanitario, sia di carattere residenziale sia domiciliare.

La Regione Veneto, al fine di contribuire ad aumentare la sicurezza per gli operatori delle strutture sanitarie, ha predisposto un documento di indirizzo relativo alle 'Aggressioni ed atti di violenza a danno degli operatori sanitari. Prevenzione e gestione degli eventi. Linee di indirizzo per gli operatori del servizio sanitario della Regione del Veneto'. L'obiettivo generale del documento è favorire la crescita di un percorso di prevenzione nei confronti degli atti di violenza contro gli operatori sanitari, stimolando e indirizzando le aziende sanitarie a elaborare strategie e programmi omogenei specificatamente dedicati alla riduzione del rischio di violenza a danno degli operatori e aumentando la consapevolezza sull'argomento degli stessi.